Agnelli e Zhang - Twitter
Serie A

Infortuni Serie A, la classifica dei club che hanno speso di più per giocatori infortunati

Howden ha realizzato uno studio interessante relativo ai club che hanno speso di più per i calciatori infortunati nel 2021/22

Francesco Rossi
29.09.2022 13:58

I calciatori fermi ai box per infortunio in Serie A, stanno raggiungendo dei numeri importanti. Il denaro sborsato dalle società per l’ingaggio di giocatori dal rendimento poco performante per via degli infortuni, è considerevole e l‘analisi realizzata dallo studio assicurativo Howden, dimostra come in Serie A si stia sperperando troppi soldi a vuoto. La società italiana che ha pagato a caro prezzo gli infortuni, è certamente la Juventus di Agnelli che con un non invidiabile score di 88 infortuni - costati alle casse bianconere oltre i 23 milioni di euro - si piazza al primo posto in Italia. Ecco la classifica completa dei club che hanno speso di più per i calciatori infortunati: 

  1. Juventus – 22,6 milioni di euro (23,1%)
  2. Napoli – 11,78 milioni di euro (12,04%)
  3. Milan – 9,76 milioni di euro (9,98%)
  4. Torino – 6,31 milioni di euro (6,45%)
  5. Inter – 6,09 milioni di euro (6,22%)
  6. Lazio – 5,8 milioni di euro (5,93%)
  7. Roma – 5,39 milioni di euro (5,51%)
  8. Cagliari – 4,74 milioni di euro (4,84%)
  9. Genoa – 4,4 milioni di euro (4,5%)
  10. Atalanta – 4,39 milioni di euro (4,49%)
  11. Bologna – 2,69 milioni di euro (2,75%)
  12. Sassuolo – 2,05 milioni di euro (2,10%)
  13. Sampdoria – 1,99 milioni di euro (2,03%)
  14. Salernitana – 1,95 milioni di euro (2%)
  15. Fiorentina – 1,92 milioni di euro (1,96%)
  16. Verona – 1,82 milioni di euro (1,86%)
  17. Spezia – 1,57 milioni di euro (1,6%)
  18. Udinese – 1,11 milioni di euro (1,14%)
  19. Empoli – 0,79 milioni di euro (0,81%)
  20. Venezia – 0,68 milioni di euro (0,7%)
Quando Scanzi attaccò il campione azzurro: "Arrogante maleducato. Parla l'italiano in maniera straziante"
Disastro Juventus, 5 anni di bilanci in rosso: ecco le cifre dettagliate a partire dal 2017/18