Massimiliano Allegri
Champions League

Allegri: "Domani è una finale secca. Vlahovic gioca. Ho le idee chiare, spero di indovinarla..."

Massimiliano Allegri presenta la sfida di domani sera contro il Villareal che vale un posto per i quarti di finale di Champions League. Ecco le dichiarazioni del mister bianconero

Filippo Rocchini
15.03.2022 15:25

Domani alle 21.00 la Juventus si giocherà il passaggio del turno di Champions League. Dopo l'1-1 dell'andata, la Vecchia Signora torna a sfidare il Villarreal e lo farà allo Juventus Stadium di Torino. Massimiliano Allegri ha presentato la sfida nella consueta conferenza stampa pre-partita, di seguito le sue parole: 


Che gara si aspetta?
"Le idee chiare ce le ho, speriamo di indovinarla... A marzo si decidono i campionati, la Champions, la Coppa Italia. Ci sono cinque giorni ora. Vogliamo arrivare alla sosta nella migliore delle condizioni, dovremo essere focalizzati".
E' una Juve da finale di Champions?
"Non so se ha qualità o maturità per arrivarci, so che dobbiamo avere l'ambizione di arrivare. Partecipiamo al campionato, giochiamo la Champions, la Coppa Italia e l'obiettivo deve essere sempre massimo. Dovremo fare sempre il massimo, senza uscire con rimpianti. Questo non deve succedere. Domani è una finale secca che giochiamo in casa".

Cosa teme del Villarreal?
"Squadra esperta e allenatore molto bravo perché concede poco e niente. Quando sembravano usciti dalla partita, abbiamo commesso un errore e sono rientrati di nuovo. Hanno anche tecnica, dovremo concedere poco, servirà una gara seria da passaggio ai quarti di finale. Durante la partita poi si fanno tanti errori, dovremo farne meno nelle zone dove conta. Servirà solo pensare a un obiettivo: passare il turno".
 

Ci può parlare dei singoli, di come stanno?
"Chiellini è a disposizione, come Dybala e Bernardeschi. Sono rientri importanti: speriamo di risolverla in 90', sennò serviranno 120' e i cambi saranno importanti. Non hanno i novanta nelle gambe, possono essere ricambi ottimi. Bonucci è out, purtroppo Leo ha giocato delle partite, come Empoli e Villarreal, non stando bene. Si è messo a disposizione, è stato bravo ma ha un problema al polpaccio che non riesce a risolvere. Alex Sandro si sentiva il polpaccio 'strano', ho preferito non rischiarlo. Domani non è l'ultima della stagione. Zakaria dovrebbe tornare giovedì o dopo la sosta. Poi Chiesa, McKennie e Kaio sono fuori per lungo tempo".
Morata come sta? Giocherà?
"Di tre giocano due, Vlahovic gioca, non ho mai detto che gioca Morata. Alvaro sta attraversando un buon periodo: son contento ma non era diventato scarso in sei mesi. Anzi, aveva fatto molto bene ma era sempre stato criticato. Giocava in una posizione che non era la sua: con un centravanti ora gioca meglio, secondo le sue caratteristiche".


E' la Juventus che immaginava a inizio stagione?
“Sono arrivato che ero fermo da due anni ed abbiamo iniziato con degli errori, me compreso. Ora la squadra ha raggiunto un suo equilibrio”.

E' la gara più delicata di questa seconda avventura?
"Marzo è il momento del divertimento. Da settembre a febbraio devi giocare per divertirti, ora c'è da divertirsi per giocare e vincere. Il pallone è più piccolo e più pesante. E' divertimento. Per i giocatori è straordinario: l'attesa di giocarsi un posto ai quarti, gli altri obiettivi, ora è bello e divertente. E' una finale secca, il risultato dell'andata non conta: sappiamo le difficoltà e rispettiamo l'avversario, dimostra la forza dentro di noi".

E' la partita più importante della stagione?
"Lo è della Champions. Se vinciamo andiamo ai quarti, poi il resto è un'altra storia. La Champions è una cosa, domani è la gara più importante della Champions. E' una partita vera, contro una squadra con grandi qualità, lavorano tanto come squadra".

Il PSG è stato fischiato dopo esser stato eliminato dal Real Madrid. Ha paura di veder giudicata la sua stagione per soli 90'?
"Servirà un grande prestazione, indipendentemente da come andrà. Il pubblico applaudirà i ragazzi. La partita del Real Madrid contro il PSG insegna una cosa. Gli è scappata di mano in un attimo, quando giochi queste gare piò succedere. Avere il controllo in quei momenti è molto importante. Serve serenità per reagire a quello che succede".

LEGGI ANCHE: DAZN scontato, ecco come ricevere l'abbonamento ad un prezzo dimezzato per i prossimi 3 mesi

Cassano e il passato da playboy: "A Roma piacevo molto. Sapete cosa mi dicevano le donne?"
PSG: maxi offerta per Leao, ma il Milan è pronto a blindarlo