Serie A

Lega Serie A, insulti alla Federazione: indagato il consigliere Gaetano Blandini

Il direttore generale della Siae è stato eletto consigliere indipendente di Lega il 27 gennaio scorso su proposta di Claudio Lotito

Filippo Rocchini
02.03.2022 15:21

Ennesimo tema di scontro all'interno della Lega di Serie A a poche ore dal nuovo voto (previsto per domani) per l’elezione del successore di Dal Pino alla presidenza. Come riporta La Gazzetta dello Sport, Gaetano Blandini, consigliere indipendente di Lega, lunedì in una riunione da remoto con circa una cinquantina di persone collegate, avrebbe pronunciato frasi molto pesanti nei confronti della FIGC

Il consigliere avrebbe pronunciato frasi del tipo “In Federazione sono drogati e ladri” mentre i presenti discutevano dell’inasprimento delle norme per l’iscrizione ai campionati come proposto da Gabriele Gravina. Al centro dell’attenzione ci sarebbe, in particolare, la richiesta d’inserire l’indice di liquidità come parametro per ottenere anche la licenza nazionale e non solo per poter operare sul mercato. Di quanto accaduto, scrive il quotidiano, il numero uno della FIGC, ha già informato la Procura della Federcalcio, che ha aperto un'indagine d'urgenza nei suoi confronti.

Fonti vicine a Blandini smentiscono e si sottolinea che il consigliere di Lega non avrebbe detto né ladri né drogati. Nel corso di una discussione più ampia, riferita alle proposte della FIGC sulle licenze per iscrizione al campionato, Blandini avrebbe detto, al termine di un ragionamento più ampio, che la proposta della federazione era provocatoria e quindi “o sono in malafede oppure incompetenti o cosa hanno fumato...” chiudendo con una battuta ironica per allentare la tensione.

LEGGI ANCHE: Fiorentina-Juventus streaming gratis Infinity e diretta tv Canale 5? Dove vedere Coppa Italia

 

Cassano e il passato da playboy: "A Roma piacevo molto. Sapete cosa mi dicevano le donne?"
L'agente di Immobile: “Vuole chiudere la carriera alla Lazio"