Il Parma Calcio ha perso la causa con Erreà. Il tribunale della città ducale ha comminato una multa salata al club del presidente Kyle Krause, disposto il risarcimento all'ex sponsor storico della squadra.
Alla luce di questa spesa, ci saranno ripercussioni sul fronte calciomercato? Facciamo il punto.

Parma, la condanna in tribunale e la maxi multa

Un anno dopo, la sentenza di primo grado ribalta le aspettative del Parma Calcio. Lo staff del presidente Krause si era rivolto al tribunale di Parma per ottenere una rivalutazione della cifra prevista nella clausola contrattuale di recesso anticipato con l'ex sponsor tecnico Erreà. 
Il club ducale si era avvalso della clausola di risoluzione con 18 mesi di anticipo rispetto alla scadenza, dopo aver siglato un nuovo accordo con Puma
I due brand avevano ufficializzato l'accordo a luglio 2023, mandando su tutte le furie il presidente di Erreà Angelo Gandolfi. Ma la prima sentenza dà ragione all'azienda di Torrile San Polo, perché al club gialloblù è stata comminata una maxi multa: dovrà risarcire lo storico ex partner per 1,5 milioni di euro. A questo punto il dubbio è il seguente: ci saranno conseguenze sul fronte calciomercato?

Squadra Parma
Il Parma festeggia la vittoria della Serie B (ph. Image Sport)
Temptation Island 2024, anticipazioni del 24 luglio: dalle lacrime di Raul al ritorno di Lino
Corona e l'attacco alla stella dell'Italia: "Un pennellone, il più scemo di tutti. Sembra il Nino D'Angelo..."

💬 Commenti