Suma
Serie A

Suma duro: “Tonali e la palla in campo? Voleva segnalare irregolarità. Basta cori su ebrei"

Attarverso il suo canale YouTube, il giornalista di fede rossonera ha rilasciato le seguenti dichiarazioni

Francesco Rossi
05.09.2022 17:16

Il giornalista sportivo Mauro Suma, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni attraverso il proprio canale YouTube, riguardanti alcuni episodi dell’ultimo derby tra Milan e Inter. Ecco le sue dichiarazioni, raccolte per voi da Il Pallone Gonfiato:
 

"Brozovic ha esultato con le mani dietro le orecchie - afferma Suma -  ostentate e rivolte verso i tifosi del Milan. Ogni arbitro va a sua discrezione. Io ricordo solo che l'anno scorso durante Roma-Milan, mentre c'era tutto lo stadio che gli dava dello zingaro, Ibrahimovic si mise le mani dietro le orecche e venne ammonito, invece qui evidemtnemente si è deciso in altra maniera. Si parla del pallone messo in campo da Tonali. Vi dico quello che ho provato in diretta: la palla secondo me è stata rimessa in campo in modo così repentino per poi essere stata rimessa in campo in una posizione diversa da dove era uscita. Quindi secondo me - continua Suma - Tonali voleva segnalare l'irregolarità del punto di battuta mettendo in campo un altro pallone. Se invece così non fosse e Tonali avesse commesso un errore, non c'è problema ad ammetterlo e il Milan dispone di sufficiente spirito autocritico. Siamo di fronte a un episodio"

CORO SGRADEVOLE - "Quello che invece non è un episodio, sono i cori sui rossoneri ebrei. Direa adesso anche basta, perchè quello non è un episodio e sono almeno 30 anni che me lo sento suonare nelle orecchie il coro 'rossoneri ebrei'. Ora, io sono un maleducato sono un'anima nera, sono un cattivo, uno scorretto e mi sento dare lezioni di buone maniere e di bon ton tutti i giorni, però rossoneri ebrei direi basta. Non è il coro isolato di un derby. Ieri sera qualcuno mi ha detto 'eh ma è un modo di dire, un insulto come tanti'. No cari. A Milano, culla ed esempio di civiltà, ebrei per cercare di colpire un avversario non si dice. A Milano, si parla molto di Milano e visto che se ne parla molto, a Milano ebrei non esiste. L'antisemitismo - conclude Suma - non esiste e detto con disprezzo, non esiste. Adesso basta con questa cosa"

Vessicchio show: “Ad oggi, l’Inter è fallita. Questi sono i fatti: Zhang scapperà in Cina quando…”
Graziano Cesari attacca Tonali: "Poteva buttare il pallone dietro la linea laterale, non è una bella immagine"