Criscitiello difende la Juve: "La Procura Federale è un circo che sta picchiando i più deboli. Poca fiducia perché..."
Serie A

Criscitiello difende la Juve: "La Procura Federale? Un circo che sta picchiando la parte debole. Poca fiducia perché..."

Il noto giornalista e conduttore di Sportitalia ha pubblicato un lungo editoriale affrontando anche il tema Juve

Davide Roberti
26.12.2022 18:56

La mattina della vigilia di Natale, la Procura Federale ha annunciato la riapertura delle indagini sul caso plusvalenze, in quanto sarebbero emerse nuove rilevanti intercettazioni che potrebbero in qualche modo spostare il precedente verdetto di assoluzione nei confronti della Juventus e delle altre società coinvolte. Michele Criscitiello, noto giornalista e conduttore di Sportitalia, ha pubblicato un editoriale critico nei confronti della Procura stessa. Questo un estratto delle sue parole: “Scusate se non abbiamo fiducia nella Procura Federale ma, sapete, abbiamo degli elementi per non essere così sereni. La Procura Federale è molto politicizzata. Aspettiamo ancora chiarezza sui casi tamponi, sul caso Suarez, sulle plusvalenze su internet con transfermarkt, sul caso Chievo Verona e così via. Purtroppo hanno perso credibilità in tutti questi anni con il vecchio Palazzi che il palazzo non l’ha mai saputo difendere bene”.

LEGGI ANCHE: Ziliani furioso: "Juve, la retrocessione in Serie B sarebbe niente: da revocare anche tutti i titoli perché..."

Continua così Criscitiello: "Ora tornano all’attacco della Juventus ma, perdonateci, se vogliono picchiare la Juventus stanno prendendo la parte più debole. Il club bianconero può essere indagato per la vicenda bilanci, per lo spalma stipendi, ma sulle plusvalenze rischiamo di fare un buco nell’acqua. Sta di fatto che adesso, all’improvviso, in Federazione hanno deciso di riaprire un caso e addirittura di correre. Ci sembra tanto un circo".

MasterChef Italia 12, streaming gratis e diretta tv in chiaro? Dove vedere settima puntata
Argentina-Francia, Adani si sfoga: “Avevo un accordo. Fatto fuori dalla nuova dirigenza sportiva Rai”