E' stato Massimiliano Allegri ad insistere perché Adrien Rabiot rimanesse alla Juventus e non andasse via. Il francese ha ripagato la fiducia del livornese sfoderando prestazioni importanti, tanto da risultare tra i pochi elementi della rosa a salvarsi nella difficile stagione in cui sono incappati i bianconeri che però sono riusciti a conquistare l'accesso a tre comptizioni: Champions League, Mondiale per club e supercoppa italiana. L'esonero atteso ma non in maniera così sbrigativa ha colto di sorpresa anche il centrocampista, che sui social ci ha tenuto ad augurargli il meglio per il futuro. 

I numeri di Rabiot

30 presenze su  un totale di 38 giornate di campionato, a cui vanno aggiunte le quattro di Coppa Italia e tutte impreziosite da 5 gol e 3 assist. Numeri che raccontano bene il rapporto che si é intaurato tra il transalpino e il tecnico livornese. La stima reciproca però non é bastata a trattenerlo in panchina, complici anche i pessimi risultati ottenuti da febbraio in poi: negli ultimi 17 incontri sono arrivati solo 21 punti e da febbraio 15 punti in 15 gare che hanno portato al terzo peggior risultato degli ultimi 50 anni.

Massimiliano Allegri
Allegri Juventus

Il saluto di Rabiot ad Allegri

Con un sentito messaggio di ringraziamento Rabiot ha voluto esprimere il suo punto di vista, sul rocambolesco divorzio avvenuto tra Allegri e la Juventus esaltandolo come uno dei migliori tecnici: “Sarai ricordato come uno dei allenatori più vittoriosi della storia della Juventus. Meritavi un’addio diverso. Grazie di tutto Mister e in bocca al lupo

LEGGI ANCHE: Atalanta, infortunio de Roon: niente Europa League, europeo a rischio

                                         

Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava..."
Fiorentina-Napoli 2-2, doppio botta e risposta: pari che serve poco a tutti

💬 Commenti