Calhanoglu (ph. Image Sport)
Serie A

Calhanoglu, stoccata a Ibra: "Ha 40 anni, io non farei cose del genere a quell'età. Gli piace essere al centro dell'attenzione, ma non..."

Il centrocampista dell'Inter ha rilasciato un'intervista al canale "Tivibu Sport" dove ha anche criticato l'attaccante rossonero

Andrea Riva
22.06.2022 21:20

Il centrocampista turco dell'Inter Hakan Calhanoglu ha rilasciato un'intervista molto pepata al canale “Tivibu Spor", dove ha parlato del suo cambio di maglia (da rossonera a nerazzurra) la scorsa estate, sui tifosi del Milan, sull'attuale allenatore Simone Inzaghi, ma anche su Ibra dove gli lancia una stoccata.

Di seguito ecco le sue parole:

IBRA: "Ibra non ha 18 anni, è un uomo di 40 anni: io non farei cose del genere a quell'età. Quest'anno non ha praticamente giocato, non ha contribuito al titolo. Gli piace essere al centro dell'attenzione, non mi interessa. Ha scritto di me anche sul suo libro, doveva scrivere queste cose se no sarebbe stato vuoto. Non gli rispondo".

CAMBIO MAGLIA: “Molto difficile ma era la mia occasione di andare nella squadra campione d'Italia. Poi ha vinto la mia ex squadra e sembrava fosse colpa mia. Penso di aver dato un buon contributo con assist e gol, il supporto dei tifosi mi aiuta molto: ho giocato quattro anni con il Milan e nessun tifoso gridava il mio nome mentre succede ogni volta che faccio riscaldamento pre-partita con l'Inter".

SIMONE INZAGHI: "L'Inter è molto più forte del Milan ma quella partita è cambiata al 75', sull'1-0 per noi, dopo che siamo stati sostituiti io e Perisic. L'allenatore ha contribuito alla sconfitta, gliel'ho anche detto". Poi però parole belle per Inzaghi: “Una brava persona, capisce di calcio e sta molto vicino alla squadra. La sua insistenza è stata importante per la mia decisione di scegliere l'Inter".

LEGGI ANCHE: Live Calciomercato | Ultime news e tutte le trattative di oggi

Classifica Tifoserie Italiane più violente: ecco chi ha ricevuto più DASPO nelle ultime stagioni
Ordine: “Caso Osimhen? Come su Calciopoli, senza giustizia ordinaria, quella sportiva fa poco”