Serie A

Lippi e la rivelazione clamorosa: “Se rompevano una gamba a juventino, diceva che non era rigore”

L’ex tecnico della Juventus si è confessato alla trasmissione Ricomincio dal No

Francesco Rossi
14.11.2022 18:53

Intervistato dalla trasmissione Ricomincio dal No, l’ex allenatore della Juventus, Marcello Lippi, ha rivelato un particolare relativo l’anti-juventinità di suo padre: 
 

“Mio padre odiava la Juve, era un vecchio socialista di quelli al bar, che odiano il potere. Un giocatore avversario spezzava la gamba a uno juventino e l’arbitro dava rigore, diceva: ‘Non è vero, non era rigore’. Era un anti-juventino. È morto nel ’91, quando nel ’94 sono andato alla Juve andai alla tomba di mio padre e gli dissi: ‘Papà, abbi pazienza, ma io ci vado alla Juve. Stammi vicini, te ne farai una ragione, ma io ci vado alla Juve”

Sarri, esonero alla Juve? Decisero tre donne vicine alla famiglia Agnelli
Van Basten duro su Sacchi: “Parlava troppo. Negli spogliatoi gli feci uno ‘sfregio gratuito’”