Serie A

Chirico duro su Ancelotti: "Sia riconoscente a Moggi, parole sgarbate contro di lui e tifosi Juventus"

Il giornalista di fede Juventus ha criticato aspramente il tecnico del Real Madrid a IlBianconero.com

Francesco Rossi
30.04.2022 17:56

Chirico, Moggi e Ancelotti - Twitter
 

Il giornalista Marcello Chirico ha criticato duramente il tecnico del Real Madrid, Carlo Ancelotti, per via della sua intervista rilasciata a Movistar Plus+. L'intervento di Chirico a IlBianconero.com, è molto duro nei confronti dell'ex allenatore bianconero. Ve ne proponiamo un estratto: 

"Lo dico con franchezza: mi hanno stupito in negativo le dichiarazioni rilasciate da Carlo Ancelotti a jorge Valdano durante la recente intervista  fattagli dall’ex campione argentino sul canale spagnolo Movistar Plus+ . In particolare, quelle riguardanti la Juventus e Luciano Moggi. Le ho trovate fuori luogo, livorose e sgarbate. E ritenendo Carletto un mite, oltre che una brava persona, mi hanno stupito due volte di più.

Ancelotti ha ritirato fuori la sua esperienza alla Juve, non riuscendo neppure stavolta a dissimulare un nervosismo di fondo quando affronta l’argomento. “Mi odiavano perché avevo giocato nel Milan, a volte dovevo uscire scortato dalla Polizia” ha detto. “Il Moggigate? Mi sembrava positivo che il calcio italiano venisse ripulito, non c’era una competizione pulita”, ha aggiunto.

Cominciamo dai tifosi: a odiarlo, ed anche in maniera feroce, è sempre stata solo una parte della tifoseria, quella ultrà. L’altra non lo odiava affatto e poco le importava con chi avesse militato da calciatore, semmai – come accade anche oggi con Allegri – in molti non ne condividevano i metodi di gioco, ritenendolo troppo difensivista. Come gli disse Umberto Agnelli quando lo congedò, non veniva ritenuto un tecnico vincente. Due scudetti persi in 2 anni erano lì ad avallare questa tesi. Il primo soprattutto, quello della stagione 99/2000, strappatogli dalla Lazio in rimonta, dopo aver accumulato un vantaggio in classifica di 8 punti"

 

MOGGI E ANCELOTTI - "Passiamo a Moggi, che di Ancelotti fu grande estimatore, fin dagli esordi con la Reggiana. Andò a prenderlo quando era al Parma, dopo un 6° posto in campionato, ritenendolo in grado di fare il salto di qualità e poter guidare la Juventus. Dove, dopo 2 anni di magra, fu la proprietà a congedarlo.Moggi, invece, lo consigliò al Milan, convincendo Galliani a fermarlo prima che Carlo firmasse per il Galatasaray.

Nonostante questi precedenti, a distanza di 20 anni Ancelotti ha ripagato Moggi con l’abiura, plaudendo alla sua radiazione dal calcio. Nonostante avesse vissuto in prima persona, nelle stagioni bianconere, le ingiustizie di Perugia e del caso Nakata, entrambe determinanti nella perdita di quei 2 scudetti.
Allora venivi a lamentarti con me, adesso condanni il sottoscritto", gli ha legittimamente rinfacciato Moggi, ricordandogli quanto emerse da inchieste e intercettazioni di Calciopoli. Fatti e situazioni di sicuro noti al Carlo, e che proprio per questo avrebbero dovuto indurlo ad un atteggiamento quanto meno più cauto, non foss’altro per un minimo di riconoscenza dovuta nei confronti di chi non gli è mai stato ostile.

Ancelotti è sembrato invece volersi scrollare un peso da dosso, l’infamia di aver lavorato per due anni e mezzo alle dipendenze di chi è stato poi rigettato dal sistema. E insieme a Moggi ha buttato nel bidone pure l’intera tifoseria juventina"

 

 

Sconcerti attacca l’Inter su Calciopoli: “Li hanno fatti vincere senza motivo, arrivarono terzi”
Napoli, Spalletti: "Le altre squadre non sono più forti di noi, rammarico per alcune partite"