tacchinardi brozovic pjanic
Serie A

Tacchinardi: "Juve, serve chi ti fa la differenza negli ultimi trenta metri. Allegri va rispettato, ma.."

L'ex calciatore della Juventus è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, durante Maracanà, per commentare il turno di campionato appena concluso

Ludovica Carlucci
07.01.2022 16:06

Alessio Tacchinardi, ex giocatore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, durante Maracanà, per commentare il turno di campionato appena concluso. Queste le sue parole riportate da TMW:

Da Allegri, ma anche da Mourinho e da Sarri ci si aspettava di più dopo 20 partite:
"Ieri ho visto una fase che a livello offensivo fa veramente fatica. Arrivano ai trenta metri e manca inventiva. Segna meno gol del Verona? Allegri sta cercando di portarla a quel livello, a rischiare di più davanti. Ieri non è stata fatta una brutta partita, ha avuto delle occasioni, vedi con Morata e McKennie. Ha giocatori che giocano da solo, vedi Bernardeschi, Dybala, Morata, Chiesa. Non è facile per un allenatore risolvere il problema. Oggi la Juventus a livello offensivo è poco. Servono quelli che negli ultimi trenta metri ti fanno la differenza. Il Napoli aveva giocatori del genere ieri, la Juve solo Chiesa ma va a strappi. Allegri ha vinto, va rispettato, ma ora deve dimostrare qualcosa di più. Non è facile comunque risolvere la situazione per come è stata costruita la squadra, anche lì davanti".

Il problema principale è il centrocampo?
"Non credo, c'è difficoltà nel creare azioni d'attacco ma con il Napoli non ha giocato male. Morata? La maglia della Juve pesa un quintale, non è facile. Ha bisogno di una punta forte accanto, così riesce a farei suoi gol. Se ha sempre due tre uomini addosso fa fatica, perché non è il suo ruolo".

Chi ha sbagliato di più a scegliere club tra Allegri e Mourinho?
"Entrambe. Uno aveva la possibilità di andare al Real Madrid e le minestre riscaldate poi spesso non vanno bene. Mourinho poi si porta dietro aspettative importanti e la squadra è buona ma niente di più. Entrambi hanno fatto la scelta sbagliata".

Cassano: "Real Madrid? Sono stato un cretino. Mangiavo come un cane e avevo una panza enorme"
Juventus-Napoli, i tifosi bianconeri insultano Insigne: "Sei un nano di m...!"