Serie A

Serie A, ufficiale spareggio Scudetto in caso di pari punti: ecco come funziona, tutte le novità

Comunicato FIGC: resa definitiva la regola delle 5 sostituzioni ed è ufficiale l’introduzione della gara di spareggio per l’assegnazione dello Scudetto in caso di pari punti

Filippo Rocchini
28.06.2022 17:40

Il Consiglio Federale che si è tenuto nella giornata odierna ha ufficializzato una serie di novità regolamentari. Sono state innanzitutto approvate le modifiche richieste per rendere definitiva la regola delle cinque sostituzioni (con la sesta aggiuntiva nelle gare che prevedono i tempi supplementari).

Non solo, è stata ufficializzata l’introduzione della gara di spareggio per l’assegnazione dello Scudetto (con i tiri di rigore, senza tempi supplementari, in caso di parità nei 90’) nel caso si verificasse la situazione di pari punti in classifica tra due squadre al termine del campionato di Serie A. Qualora le squadre fossero tre, una classifica avulsa determinerebbe le due formazioni che avrebbero diritto di giocarsi lo spareggio.

L’unica volta in cui il titolo di Campione d’Italia fu assegnato tramite uno spareggio risale al 1964. In quella stagione, a giocarsi lo Scudetto furono Bologna e Inter, con i felsinei che si imposero sui nerazzurri con il punteggio finale di 2-0. 

Di seguito, il comunicato della FIGC sulle modifiche regolamentari, tra cui lo spareggio scudetto per la Serie A: Il comunicato completo della FIGC

"Il Consiglio Federale ha approvato le modifiche richieste per rendere definitiva la regola delle cinque sostituzioni (con la sesta aggiuntiva nelle gare che prevedono i tempi supplementari) e per introdurre la gara di spareggio per l’assegnazione dello scudetto (con i tiri di rigore, senza tempi supplementari, in caso di parità nei 90’) nel caso si verificasse la situazione di pari punti in classifica tra due squadre al termine del campionato di Serie A".

LEGGI ANCHE: La Roma rinuncia al Trofeo Gamper, è bufera con il Barcellona: "Agiremo legalmente contro il club italiano"

Bruno attacca Bonucci: “Simulatore che grida con le mani in faccia. Glielo permettono in Italia”
Neymar non rientra nei piani del PSG, il club è pronto a pagare lo stipendio per liberarsene: ecco dove può andare