Vidal
Serie A

Vidal furioso: “Il calcio è come la schiavitù, dobbiamo riposare. Questione di salute mentale”

Il calciatore dell’Inter critico nei confronti del calcio odierno

Francesco Rossi
26.05.2022 17:13

Intervistato da FIFPRO, il centrocampista dell’Inter Arturo Vidal, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni relative il calcio moderno. Parole critiche quelle del cileno, al quale non piace affatto la tendenza di giocare troppe partite finendo per fare viaggi oceanici massacranti: 
 

“L’esposizione accumulata ci mette a rischio come giocatori, perché può non solo ridurre le nostre prestazioni ma anche abbreviare le carriere di molti colleghi. Dobbiamo essere responsabili e pensare insieme a tutti gli attori come ridurlo. Questa situazione colpisce soprattutto i giocatori che devono percorrere lunghe distanze per giocare le loro partite, come i sudamericani. Non è come l’Europa, dove tutto è più vicino. Facciamo rispettare i protocolli; questa è la chiave. Tutti raccomandano di attuare e far rispettare i periodi di riposo, sia mentre giochiamo nei nostri campionati o durante il periodo di ferie legali. Come in qualsiasi lavoro, è essenziale allontanarsi dalle funzioni che svolgiamo quasi tutto l’anno. È anche una questione di salute mentale.

I nostri sindacati ci informano da molto tempo su questo problema sulla base dei dati forniti dalla piattaforma di monitoraggio del carico di lavoro FIFPRO. Sappiamo che misura la saturazione delle partite, esaminando il numero di minuti che i giocatori giocano consecutivamente. Noi giocatori dobbiamo essere in grado di lottare contro questo per le nostre carriere, per le famiglie, ma soprattutto per lo spettacolo. Non possiamo essere esposti a questi parametri. Il calcio è una festa sociale, non un centro di schiavitù“.

Bruno attacca Bonucci: “Simulatore che grida con le mani in faccia. Glielo permettono in Italia”
Lazio, c'è il rinnovo di Sarri: cifre e dettagli