Claudio Marchisio è stato per tanti anni una vera e propria bandiera della Juventus. L'ex centrocampista della Nazionale, tifoso bianconero fin da bambino, è tutt'ora ambasciatore della Juve, e non nasconde mai la propria fede per i colori della Vecchia Signora. Peraltro, nei Derby contro il Torino è stato spesso protagonista: nel 2012/2013 segnò addirittura tre gol tra andata e ritorno, timbrando allo Stadium per ben due volte nel 3-0 dell'andata e segnando il 2-0 all'Olimpico un girone dopo.

Marchisio

Marchisio e la Juve, un grande rapporto d'amore… macchiato?

Il Principino Marchisio ha giocato 389 partite con la maglia della squadra della sua città, segnando 37 gol e vincendo i primi 7 dei 9 Scudetti bianconeri tra il 2012 e il 2020. Un vero e proprio simbolo, che però negli ultimi giorni ha attirato le critiche dei suoi tifosi per alcune frasi pronunciati nel corso di “De Core Podcast”: ecco cosa ha detto. 

Marchisio e le parole sul tifo a Torino: “Il calore è dei tifosi del Toro, noi juventini siamo un po' sparsi”

Ai microfoni del podcast, Marchisio si è espresso così: "Torino è calda soprattutto per la tifoseria del Torino, non della Juve. Il tifoso della Juventus a Torino non è che lo si trova tanto. La città di Torino è proprio del Toro e loro sono una tifoseria calda. Infatti quando c'è il derby della Mole sono loro l'anima del derby, che lo tengono sempre attivo. Mentre il tifoso della Juventus è un po' sparso ovunque. Siamo ovunque, ma diciamo che non abbiamo il nostro nucleo principale".

LEGGI ANCHE: La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa (ilpallonegonfiato.it)

Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava..."
Adani carica l'Italia: "Serve coraggio". Poi, stoccata per due azzurri

💬 Commenti