Mario Sconcerti
Serie A

Sconcerti sull'Inter e sul caso Lautaro: "Difficoltà per la diversità del partner, ma non farà mai 30 gol"

Il giornalista ha parlato del momento no di Lautaro Martinez e del processo di costruzione dell'Inter. Ecco le sue parole

Filippo Rocchini
18.02.2022 12:03

"A cosa è dovuto il brutto momento di Lautaro? Il primo dato non è pessimo: Lautaro non segna da due mesi, ma è ancora il quarto miglior attaccante del campionato con 11 reti. Dietro Immobile e Vlahovic, lontani, e Simeone che ha un gol in più. E nettamente davanti a Scamacca di cui si parla molto, a Ibrahimovic, Giroud, Dybala, Morata, Raspadori. Nelle tre stagioni all’Inter ha segnato prima 6 gol, poi 14, poi 17. Se stavolta è a 11 a tredici giornate dal termine, è dentro la sua media migliore.

Il vero cambio subito da Lautaro è la diversità del partner. Lukaku era uno che gli toglieva avversari lasciandogli solo il compito di tirare. Dzeko lo cerca da dietro, spesso gli appoggia il pallone, non lo smarca. Lautaro perde in quel tempo le sue doti migliori che sono rapidità e precisione di tiro. Deve fare di più perché ha 24 anni e gioca in una squadra che ha un ottimo gioco d’attacco. Deve continuare la sua crescita, ma non sarà mai uomo da trenta gol. E’ una prima punta, non un centravanti. Il suo bello è apparire dal buio, improvvisamente. Lì è letale. Oggi gioca in piena luce."

Fonte: Calciomercato.com

Il direttore Mario Sconcerti a Maracanà, durante TMW Radio, ha poi parlato del processo di costruzione della rosa nerazzura, che a suo dire "si è interrotto. Se fosse sempre stata come è adesso, senza i soldi dei proprietari, non avrebbe costruito questa ottima squadra. Adesso è in autofinanziamento con forti debiti. Contro altre squadre che non sono così è un handicap. E' difficile che nei prossimi 5 anni, in questa condizione, possa fare la differenza. Perderà sempre qualcosa ogni anno".

LEGGI ANCHE: Focolari: “Uno schifo l'insulto di Cutrone a Cragno. Il Giudice Sportivo può dargli cinque giornate di squalifica”

ESCLUSIVA IPG - John O'Shea: "Trapattoni e Ferguson straordinari. Cristiano Ronaldo sempre motivato"
Hamilton: "Non ho mai detto che mi sarei fermato. Sono pronto a tornare in pista per l'ottavo titolo"