Juventus
Serie A

Il legale partenopeo Angelo Pisani tuona: "Per la Juventus chiederei la radiazione. Vogliamo ancora far giocare questa squadra tollerando..."

L'avvocato napoletano ha rilasciato alcune dichiarazioni durissime sul club bianconero, ai microfoni di Radio Napoli Centrale

Andrea Riva
13.12.2022 19:30

Nella giornata odierna il legale partenopeo Angelo Pisani, intervenuto alla trasmissione “Un calcio alla radio” sulle frequenze di "Radio Napoli Centrale", ha usato parole fortissime nei riguardi della Juventus e che sicuramente faranno discutere. L'avvocato infatti oltre a sospendere il campionato per via cautelativa, ha chiesto tolleranza zero con la radiazione della Juventus.

Angelo Pisani, le sue parole

"Se fossi in Chiné sarei ancora più severe e cautelativamente sospenderei il campionato in attesa di capire il vero ruolo della Juventus. Non si può giocare un campionato falsato. Chiederei la radiazione, deve esserci un messaggio forte. Class action? La devono fare coloro che hanno interesse e legittimazione a farlo, in Italia non c’è lo stesso sistema americano. Se non si sospende il campionato, tutto continua, tutto è regolare, dov’è l’irregolarità? Per me, la regola, deve essere tolleranza zero".

Poi ha concluso:

"Il calcio deve ripartire senza ulteriori giustificazioni. Come si può iscrivere in un campionato con un bilancio irreale? Acquistare giocatori quando non si può? Vogliamo ancora far giocare questa squadra e tollerando tutto questo? A chi fa comodo? Va dato un valore di etica, sport, io penso sempre al calcio di Maradona e andrebbe cambiato tutto. Spero solo che la giustizia vada avanti e che si chiarisca una volta e per tutte che lo sport non può essere inquinato. De Laurentiis? Sono due situazioni diverse".  

LEGGI ANCHE: Zeman: “Juventus? Non è la sola, è ora che…”Zeman: “Juventus? Non è la sola, è ora che…”

 

Vlahovic per il futuro della Juve, il dubbio di Chirico: "E' davvero giusto per questa squadra o era meglio far rinnovare Dybala?"
Mondiale, deceduti tre giornalisti dall'inizio della competizione