Simone Inzaghi
Serie A

Inzaghi: "Vanno fatti i complimenti a questo gruppo. Sono orgoglioso del lavoro fatto dai ragazzi"

Il tecnico dell'Inter Simone Inzaghi ha parlato al termine del match vinto contro la Sampdoria

Francesco Perna
22.05.2022 20:59

Il tecnico dell'Inter, Simone Inzaghi, ha parlato a DAZN dopo la vittoria per 3-0 con la Sampdoria, inutile per raggiungere lo Scudetto vinto dal Milan di Stefano Pioli. 

LEGGI ANCHE: Il Milan vince lo Scudetto ed esplode il pianto di Di Marco (VIDEO). I tifosi dell'Inter: "Il cuore si è spezzato"

“Prevale l'orgoglio, vanno fatti i complimenti a questo gruppo perché ha fatto un'ottima stagione. Complimenti al Milan che ha fatto 86 punti, noi ne abbiamo fatti 84. Nelle ultime trenta abbiamo fatto tre punti più dei rossoneri. L'arrivo a San Siro, l'applauso finale di tutto lo stadio… Sono orgoglioso di quel che abbiamo fatto, potrebbe essere grandissime cose per lo scudetto”

Cosa ha avuto il Milan in più? Solo i due punti?
"Due punti, sono stati continui in questo ultimo momento. Noi a febbraio abbiamo avuto il doppio confronto con il Liverpool che ha influito sulle prestazioni di quel periodo. 84 punti però sono tanti, mi viene da fare un plauso ai miei ragazzi. Poi nei prossimi giorni, a mente fredda, analizzeremo dove avremo potuto fare quella vittoria in più che avrebbe fatto diventare la stagione da bellissima a straordinario".

Ripartire più carichi che mai?
"Quello sicuramente. Siamo l'Inter, siamo una grandissima squadra. Abbiamo vinto due trofei ma ora essere arrivati secondi ci dispiace. Abbiamo fatto un percorso straordinario che non è bastato, dovremo cercare di limare quei due punti".

La stagione.
"Abbiamo fatto un percorso impegnativo. Se mi volto indietro vedo i due trofei alzati davanti ai nostri tifosi. In Champions League abbiamo perso due partite contro Liverpool e Real Madrid che in questo momento sono le migliori squadre d'Europa e si sfideranno in finale. Devo dire che in questo momento essere arrivati secondi non piace nessuno, ma questa stagione sarà difficile da scordare".

Moggi asfalta Ancelotti: “Eri amico di Meani che si incontrava con Collina al ristorante”
Di Canio: "Scudetto del Milan meritato. Lungimiranza di Maldini nel non cambiare Pioli con Rangnick"