Mario Sconcerti
Serie A

Sconcerti: "Inter col calendario migliore, Spalletti l'allenatore più maturo. L'Atalanta può passare con il Lipsia"

Le parole del direttore Mario Sconcerti a TMW Radio sui temi del giorno: Inter, Milan, Napoli e Lipsia-Atalanta

Filippo Rocchini
06.04.2022 17:08

A commentare i fatti del giorno a TMW Radio, durante Maracanà, è stato il giornalista Mario Sconcerti. Ecco le sue dichiarazioni su Inter, Milan, Napoli e Lipsia-Atalanta:

Quale può essere una mossa decisiva che possono apportare le tre che si giocano lo Scudetto?
"Il calendario più bello, se così si può dire, è quello dell'Inter. Il Milan? Questo è il momento di avere il coraggio di affidarsi al gioco, togliere Diaz e mettere il centrocampo con Kessiè, Tonali e Bennacer. E Saelemaekers è più utile di Messias, che è in difficoltà. E la ricerca del gol, con quel centrocampo lì. diventa più tranquilla. L'Inter non può cambiare, può fare cambiamenti marginali, come puntare cu Correa, Lautaro o Sanchez. L'Inter in mezzo ha tre titolari senza riserve, può cambiare Dimarco per Perisic ma è poca roba. Mancano alternative in realtà. Inzaghi poi non ama cambiare troppo la squadra, comandano i titolari o gli infortuni. Con i giocatori che ha, può adottare soluzioni diverse. Se stacchi in avanti Dumfries e Perisic, trasformi la squadra ma hai meno difesa, ma sono tutte mosse durante la partita".

Quale allenatore le sembra avere qualche intuizione in più?
"Spalletti, che è anche il più maturo. Ha giocato per esempio con uno Zielinski scarico e anche Insigne e li ha messi fuori entrambi. Sono scelte importanti che la squadra apprezza, perché si sente gestita e rispettata in tutti i propri singoli".

Per l'Atalanta quanto cambia arrivare quinti o settimi? E la vittoria dell'EL può cambiare la stagione?
"La vittoria in coppa sarebbe fondamentale. Le darebbe un titolo internazionale che completerebbe il cammino fatto in questi anni e poi la iscriverebbe alla Champions del prossimo anno. Credo che questo sia il vero obiettivo. Al momento è più forte a livello internazionale che in Italia. Ce la può fare ad andare avanti, anche se il Lipsia è un'altra Atalanta, dalla nobiltà molto fresca ma fisica, di corsa, proprio come i bergamaschi. Credo che sia una partita aperta, tra due modi di fare calcio molto moderni. Il percorso dell'Atalanta negli anni è stato eccezionale, con un tecnico innovativo. Tanti ora giocano come l'Atalanta di Gasperini. Quel tipo di gioco ha dato tante soluzioni da mettere in atto durante le partite".

LEGGI ANCHE: Nuovo stadio, Scaroni (Milan) e Antonello (Inter): “C'è urgenza, sposeremo progetto più rapido”

Baggio contro Bruno? “Ex calciatori professori in tv, non sapevano fare tre palleggi con le mani”
La Lega Serie A sceglie l'Inter e fa infuriare i tifosi della Juve (FOTO): "Segnali trasversali in stile mafioso. A pensare..."