Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma lui mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava sempre"

Le parole dell'ex difensore del Torino a La Repubblica su Paolo Di Canio e Vialli

Scritto da Davide Roberti  | 
Pasquale Bruno

Pasquale Bruno, noto difensore degli anni ‘80 e ’90 della nostra Serie A soprannominato O' Animale, ha rilasciato alcune dichiarazioni a La Repubblica. Questo un estratto delle sue parole: “Il più indisponente? Forse Paolo Di Canio, grande giocatore e gran cacacazzi. Appena lo sfioravi, si buttava a terra e piagnucolava. Ancelotti invece era un gigante, Carletto. Gli dicevo: ‘Oggi ti faccio finire la carriera’. E lui, sempre a battersi senza scappare. Un altro che non scappava mai era Vialli. Lo menavo di brutto e Luca, imperterrito, mi guardava e mi diceva: ‘Pasquale, stai tranquillo’. Così mi disarmava”.

Cerchione demolisce Mourinho: "Un 'artista' che prende 7 milioni all'anno e non vince nulla..."
Bruno clamoroso: “Calciatore mi diede soprannome di un sicario della camorra, mi arrabbiai”