Lazar Samardzic per la seconda estate consecutiva é diventato il centro delle voci di mercato riguardanti L'Udinese. Se nella precedente l'accordo tra il centrocampista serbo e l'Inter é sfumato all'ultimo per le rischieste di commissioni giudicate troppo alte dalla dirigenza nerazzurra, in questa é la Lazio a puntare forte sul giocatore. In casa biancoceleste dopo la rivoluzione in panchina con le dimissioni di Tudor e l'arrivo di Marco Baroni e la sofferta cessione di Luis Alberto, c'é l'assoluta necessità di acquisti che plachino il forte malumore della piazza e non basterebbe l'arrivo del pupillo Noslin.

Poche settimane fa i tifosi biancocelesti hanno manifestato tutto il loro malcontento nei confronti della dirigenza e nello specifico del presidente Claudio Lotito, radunandosi in 30.000 prima allo stadio Flaminio e poi a Ponte Milvio e dando vita alla seconda grande manifestazione di protesta dopo quella avvenuta nel 2014 in occasione della gara tra i capitolini e il Sassuolo, lasciando gli spalti dell'Olimpico vuoti per 4 mesi fino al mercato estivo.

Lazio, le contropartite per arrivare a Samardzic

L'interesse della Lazio nei confronti di Samardzic é reale ma a non convincere l'Udinese, é la strategia adottata dal club romano per portarlo nella Capitale. A fronte dei 25 milioni di euro per il suo cartellino chiesti dai friulani, la risposta é stata l'inserimento di tre contropartite che rispondono al nome di Basic, Cancellieri e Akpa Akpro di ritorno dai prestiti e che sono sul mercato. I biancocelesti devono registrare l'interesse del Fenerbahce allenato da Mourinho che ha fatto una offerta molto più convincente e proprio il tecnico portoghese potrebbe giocare un ruolo chiave.

Mourinho Roma

Samardzic, Mourinho terzo incomodo

Potrebbe non essere solo l'offerta presentata dal club turco ad indirizzare la trattativa per uno dei pezzi da 90 del club friulano. i 20 milioni messi sul piatto dal Fenerbahce si avvicinano tantissima alla cifra richiesta, ma a far segnare un ulteriore punto a favore potrebbe essere la presenza di Mourinho. Infatti pare che il nazionale serbo nutra una profonda stima per l'allenatore e sarebbe affascinato all'idea di giocare sotto la sua guida.

LEGGI ANCHE:  Serie A, due attaccanti in ascesa: quanto valgono Thuram e Zirkzee

 

 

Bruno rivela: "Vialli? Lo menavo ma mi disarmava. Di Canio? Un gran cacacazzi, piagnucolava..."
Mastrangelo punge Conte: "Appena arrivato a Napoli, già piange. Ovunque va..."

💬 Commenti