Francesco Calzona oltre ad essere il CT della Slovacchia che parteciperà ad Euro 2024 questa estate, é anche il terzo tecnico stagionale arrivato sulla panchina del Napoli. In una intervista ha raccontato il suo impatto con l'ambiente partenopeo e ha raccontato il suo incontro con Kvaratskhelia, facendo mea culpa su come ha gestito le sue qualità nelle prime partite.

La gestione di Kvaratskhelia

Francesco Calzona
Calzona Napoli

In una intervista rilascia a Cronache di Spogliatoio che vedrà la luce lunedì, il tecnico del Napoli Francesco Calzona ha parlato dell'approccio iniziale avuto con Khvicha Kvaratskhelia e di come poi lo ha dovuto gestire in campo:

Mi avevano parlato di un ragazzo introverso ma dopo tre giorni dal mio arrivo l'ho visto scherzare con tutti ed é il primo a mettersi in discussione e fare autocritica, quando non gioca bene una partita. All'inizio gli ho dato indicazioni tattiche differenti da quelle che sono le sue caratteristiche e ho sbagliato con lui, perché non era abituato. Per risparmiare energie gli ho chiesto di imparare a difendere diversamente, ma per farlo ha dimenticato quasi di cosa é capace

L'impatto col Napoli

Ho trovato una squadra che a livello mentale era provata dal doppio cambio di allenatore avvenuto in questi mesi e non credeva più in se stessa. Il Maradona é sempre pieno nonostante tutto e noi dobbiamo fare un grande finale di stagione, perché lo dobbiamo ai nostri tifosi

LEGGI ANCHE: Napoli, De Laurentiis rompe il silenzio sul nuovo stadio: "Ecco dove sarà"  

Didier Deschamps e il suo attacco all'Italia: "Fu avvantaggiata agli Europei, ecco perché"
Napoli, Manfredi sul nuovo stadio: "Per la bonifica necessari 3 anni. Priorità al Maradona"

💬 Commenti