Zazzaroni fonte Twitter
Serie A

Striscione Verona, Zazzaroni: "Benzina sul fuoco della violenza. Si tratta di un estremismo che non sollecita nemmeno la risata più idiota"

Il direttore del Corriere dello Sport ha condannato il vergognoso striscione appeso fuori al Bentegodi da parte dei tifosi scaligeri prima della sfida con il Napoli

Ludovica Carlucci
14.03.2022 10:48

Striscione a dir poco vergognoso quello appeso fuori al Bentegodi da parte dei tifosi scaligeri prima della sfida tra Hellas Verona e Napoli. A condannare l'accaduto anche il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni. Queste le sue parole: "Qualcuno – oltretutto firmandosi – ha deciso di oltrepassare un limite che ritenevamo invalicabile, quello del male assoluto. Per cui penso che la cosa non possa essere risolta con la classica parentesi di web-indignazione o con una multa del giudice sportivo. Non si tratta più di tifo, ma di estremismo. E l’estremismo non sollecita la risata, anche la più idiota. È benzina sul fuoco della violenza. È violenza chiamata, cercata".

Zazzaroni ha poi aggiunto: "La presa di distanza del Verona è stata tanto opportuna quanto debole poiché generica. Nessun riferimento allo striscione e a chi se l’è attribuito. Conosco il presidente Maurizio Setti da molti anni, lo considero un amico, ma conosco anche il nostro calcio, le relazioni spesso non volute, subite, che lo complicano e lo insudiciano: so che è un mondo governato dalla paura e la paura è la camera oscura dove si sviluppa il negativo".

LEGGI ANCHE: Sconcerti: "Senza le idee di Brozovic e con Barella un po’ grottesco, l'Inter è diventata presto scolastica"

Cassano e il passato da playboy: "A Roma piacevo molto. Sapete cosa mi dicevano le donne?"
Clamoroso dalla Spagna, Messi vuole tornare al Barcellona! Contatti tra papà Jorge e la dirigenza blaugrana