Serie A

Adani: "Il Milan è inferiore a Inter e Juventus ma..."

Adani risponde alla domanda di Cassano sul Milan e motiva il suo pensiero.

Andrea Milano
12.11.2022 08:17

Lele Adani alla Bobo Tv fa una riflessione importante e giusta sul Milan rispondendo alla domanda di Cassano che gli ha chiesto: “C'è qualche rischio che il Milan non arrivi tra le prime quattro in campionato?”. Adani risponde dicendo che il Milan è inferiore rispetto a Inter e Juventus e spiega il perchè.

LEGGI ANCHE: Romagnoli choc: "Al Milan con Giampaolo facevo gli stessi movimenti che facciamo ora con Sarri"

Adani risponde a Cassano alla domanda sul Milan

Adani motiva il pensiero sul Milan

Adani spiega perchè il Milan nella rosa dei giocatori è inferiore a squadre come Juventus e Inter, ecco le sue parole:

“Quello che dico lo voglio condividere con gli appassionati di calcio e con i tifosi milanisti che devono essere soddisfatti e celebrare sempre il Milan nell'insieme: società, tecnico, calciatori perchè il lavoro è eccezionale. I nuovi acquisti, uno su tutti perchè è il più pagato e ricercato come De Keteleare sono giocatori forti ed equivalgono ai Theo Hernandez, Leao ecc. Ma questi giocatori che ora sono fenomeni lo sono diventati grazie al Milan, grazie al percorso che il Milan gli ha fatto fare, li ha costruiti. Per cui il Milan anche senza grandi giocatori ha vinto perchè li ha costruiti, mentre la Juventus che compra campioni e spende soldi ha fatto tre punti in Champions League. Il Milan compra i giovani si deve costruire durante l'anno, non parte per vincere. Ci arriva grazie al lavoro. Il Milan ora come ora non può regalare i Theo Hernandez e Leao perchè i nuovi arrivi non sono ancora a quel livello, mentre Inter e Juventus hanno la panchina più lunga e composta già da giocatori pronti. Il Milan è sempre in costruzione.". 

Sapete quanto è ricca Exor? Un patrimonio incredibile frutto di investimenti in diversi settori
Tardelli: "Napoli irraggiungibile e sempre con il sorriso. Mourinho? Manda segnali di malessere ai propri ragazzi, chissà se Boniperti..."