Serie A

Italia ripescata ai Mondiali 2022? Chimenti: "Si, è possibile. Ecuador rischia l'esclusione"

Intervistato dalla Rai, il presidente della Federgolf ha rivelato indiscrezioni importanti sulla possibile ammissione ai Mondiali 2022 per la Nazionale di Mancini

Francesco Rossi
17.05.2022 20:33

Chimenti e Nazionale - federgolf.it e Twitter
 

La cocente eliminazione dal Mondiale di Qatar 2022 per l'Italia di Roberto Mancini, è una ferita ancora aperta per tutti i tifosi della nostra Nazionale. I campioni d'Europa sono stati clamorosamente esclusi dalla competizione, essendo stati eliminati nel play off contro la Macedonia del Nord. Per gli azzurri è la seconda esclusione consecutiva dai Mondiali nei play off, dopo quella del 2018 per mano della Svezia. Troppo per una selezione che l'estate scorsa si è laureata Campione d'Europa. In questi ultimi mesi, in molti hanno avanzato rumors circa un eventuale ripescaggio, ma non c'è stato mai nulla di veramente concreto a riguardo.

Secondo il presidente della Federgolf, Franco Chimenti, uno spiraglio per gli azzurri ci sarebbe grazie alla possibile esclusione dal Mondiale dell'Ecuador. Intervistato da Rai Parlamento durante la trasmissione "La politica nel pallone", Chimenti ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito a questo scenario che si rivelerebbe alcquanto clamoroso:

"C'è una possibilità che l'Italia venga ripescata per i Mondiali di Qatar 2022, una possibilità molto più concreta di quanto pensano tutti. Pare che l'Ecuador abbia utilizzato un giocatore non ecuadoregno che non aveva titolo di giocare. E per questo potrebbe pagare. Si parla di possibilità ma ci sono gli estremi che questo avvenga. Se così fosse, a quel punto bisognerebbe pensare alla nazionale che dovrebbe sostituirlo. C'è una regola Fifa che parla di ripescaggi e della squadra più in alto nel ranking: e questa è sicuramente l'Italia".

Caressa boccia De Ligt: “Prima prendeva il pallone con le mani, ora interviene in ritardo. Non è forte in area”
Brambati attacca il Napoli: "Insigne? Era meglio se avesse giocato in un'altra squadra"