Serie B

Parma, un altro pareggio. 1-1 con il Cittadella, rigore sbagliato al 90° dai crociati

Serie B, ancora un pari per gli uomini di Iachini. La scossa non arriva e i crociati arrancano a metà classifica. Al Cittadella va un punto utile per i playoff.

Lorenzo Cortellucci
11.03.2022 23:11

Anticipo della 29esima giornata di Serie B. Allo Stadio Tardini, si affrontavano i padroni di casa del Parma contro il Cittadella, lanciato verso la zona playoff. In avvio le squadre si studiano, con il Cittadella più propositivo rispetto ai crociati. A metà della prima frazione, dopo alcuni minuti di pressing, arriva il vantaggio dei granata, che sbloccano il match grazie ad un rigore di Giacomo Beretta. La punta, ex giovanili del Milan, sta giocando un buona seconda parte di stagione. Non poche le proteste del Parma per il penalty concesso, ma tutte inutili. Il primo tempo scorre via senza troppe azioni degne di nota, con i crociati che fanno grande fatica a trovare spazi nella retroguardia del Cittadella, complice anche la giornata storta del bomber Simy che viene subito sostituito dopo soli 45 minuti, al suo posto entra Brunetta

Nella ripresa, i ducali si riversano in avanti alla ricerca dell'agognato pareggio, ma gli ospiti chiudono bene gli spazi e si rendono pericolosi in contropiede, costringendo i difensori del Parma a recuperi in extremis. La svolta della gara avviene al 76esimo, quando Visentin si fa espellere. Cittadella in 10, adesso la musica cambia. I crociati spingono sull'acceleratore e all'81 trovano il pareggio con Juric. Da li in poi, è un monologo del Parma, che ha anche la palla gol per portare a casa i tre punti. Rigore al 90°, Brunetta sul discetto, ma sbaglia. Niente da fare per gli uomini di Iachini che continuano a non convicere e rimangnono impantanati a metà classifica. Dall'altra parte, un buon Cittadella porta a casa un punto meritato e può continuare a sperare nei playoff

Bonucci e le proteste, Bruno disse di lui: “Vorrei dargli un pugno in faccia, così sta zitto per 5 mesi”
Zazzaroni sulla Juventus: “Più che di corto muso, si può parlare di rosa corta. Insolito a metà marzo”