Mario Sconcerti
Serie A

Sconcerti durissimo: "Plusvalenze Juventus? Si farà finta di squalificare solo i dirigenti"

Il giornalista sportivo Mario Sconcerti non ha nascosto le perplessità sull'inchiesta relativa alle plusvalenze farlocche

Giuseppe Biscotti
14.04.2022 18:51

Nella rubrica Un Cappuccino con Sconcerti sul sito calciomercato.com, il noto giornalista sportivo si è lasciata andare ad un commento sull'inchiesta plusvalenze che sta coinvolgendo Juventus e Napoli: 

“So che le plusvalenze sono un problema generale. Ma che senso ha chiedere la squalifica del presidente della Juve, del suo amministratore delegato, del vicepresidente, del vecchio e del nuovo curatore del mercato? Non c’è un dirigente della Juve che si salvi, sarebbe una società azzerata. Perché avrebbero commesso irregolarità nelle faccende di mercato, cioè nella costruzione della squadra. Così però si condannano i peccatori e si assolve completamente il peccato. Le plusvalenze hanno fatto la squadra”. 

LEGGI ANCHE: Cassano ammette: "Real Madrid? Sono stato un cretino. Giocavo con una panza enorme"

Sconcerti ha continuato nella dura analisi:

“Chi si preoccupa dei danni che hanno causato agli altri concorrenti in gara? Nella vita reale si chiamano risarcimenti, nella vita virtuale del calcio si fa finta di squalificare i dirigenti, ma non si parla d’altro. Cosa significa l’inibizione per un dirigente? Niente, altrimenti la Juve, per esempio, dovrebbe chiudere il giorno dopo la sentenza. Significa che quei dirigenti “non possono rappresentare la società in attività rilevanti per l’ordinamento sportivo nazione e internazionale”. In pratica non puoi partecipare a un consiglio federale, ma puoi fare per intero il tuo lavoro di dirigente. Alla fine del processo verrà fuori almeno una ragione seria per cui sia sconsigliabile proseguire con gli eccessi di plusvalenze?”.

Stipendi ciclisti 2022, la top 20 dei più pagati: Pogacar il paperone del gruppo, bene Nibali
Atalanta, Marino: "Il passaggio del turno sarebbe qualcosa di unico e storico. Bisogna giocatore col cuore"