Mario Sconcerti (ph Zimbio)
Calciomercato

Inter, Sconcerti tuona: "Sta pagando il suo scudetto. Un problema in attacco"

Mario Sconcerti ha analizzato in profondità la situazione in casa nerazzurra dal punto di vista economico

Serena Baldi
21.07.2022 18:43

L’Inter dopo aver lasciato andare Dybala, ha perso anche Bremer, approdato alla Juventus. Di seguito le dichiarazioni di Mario Sconcerti ai microfoni di Maracanà, in onda sulle frequenze di TMW Radio :

“Non è questo il problema dell’Inter, detto così è riduttivo. Quello di cui noi facciamo fatica a renderci conto è che l’Inter è l’unica squadra che comincia perdendo soldi. Oggi si parla molto di auto finanziamento, ma è un mezzo che ti lascia comunque a somma zero: tanto vendo, tanto spendo. I problemi dell’Inter sono diversi, deve cominciare sempre coprendo 60-70 milioni di soldi che non ci sono ogni anno. Deve valorizzare un elemento della rosa per poi perderlo, senza che il debito cambi perché sono soprattutto spese di interessi, è una soluzione che non può continuare. Poteva essere sopportata nel momento in cui la società mettevi soldi, ora per forza non prendi Dybala. Noi andiamo a vedere il mercato dell’Inter, ma anche generale, in un momento di difficoltà economica delle società, tutti i giorni devi trovare i tuoi soldi per fare mercato”.

Sconcerti prosegue parlando di Suning e dei soldi spesi per lo scudetto vinto da Antonio Conte:

Perché Suning non vende? Perché intanto l’Inter non è in auto finanziamento. Alla fine del mercato con l’auto finanziamento tu sei a zero, dal mercato deve prendere fino a 80 milioni, è molto diverso. A parte che la società è stata già ipotecata, nel senso che a garanzia dell’ultimo prestito, quello più grosso, è stata data garanzia alla società. Se non paghi loro si prendono la società. Tutto questo non è illegale, va tutto bene però non ci puoi fare grande calcio. Il problema per esempio è che loro hanno tre giocatori su quattro in attacco in scadenza. Lukaku è un prestito, Sanchez è a fine contratto così come Dzeko. Per sostituirli tu devi spendere tanto, l’aspetto tecnico è interessante ma lo è anche cosa c’è dietro. L’Inter in questo momento sta pagando il suo scudetto, i 600 milioni spesi per il proprio scudetto”.

LEGGI ANCHE: Zanetti sul futuro di Sanchez: "Si sta allenando con noi, ma il mercato è aperto"

Cassano: "Sapete cosa mi dicevano le donne? Il calcio fa miracoli"
Inter, senti Biasin: "Oltre Milenkovic c’è un nome che piace assai, ma costa come un pieno di benzina”