Nuoto

Nuoto, Pellegrini: "Arrivare quinti ad un’Olimpiade non è sconfitta. Non sei una merdina perché sei secondo, ecco il vero sport"

La Divina del nuoto italiano ha rilasciato una lunga intervista sulla sua carriera che le ha dato tante soddisfazioni e svela alcuni segreti del mestiere per i più giovani

Serena Baldi
06.08.2022 14:18

Federica Pellegrini su La Repubblica ripercorre i suoi esordi, quando a 16 anni salì sul podio d’argento alle Olimpiadi di Atene e dà consigli alle giovani che si accostano al nuoto.

La corona è ancora appesa in casa e quella medaglia mi ha cambiato la vita. Ripensandoci, ma vaffa a quella situazione. Che ero troppo piccola per affrontare. Forse oggi i giovani nuotatori sono più pronti a sostenere una cosa simile. Mi sembrano più navigati, ricevono già grandi attenzioni e soprattutto sanno lavorare con i social network

Non scegliere di nuotare per diventare ricca e famosa. Ci sono modi più semplici. Fallo solo per passione. Famosa lo diventi se vinci, rivinci e rivinci un’altra volta. Ricca se rivinci altre decine di volte. Fai la nuotatrice per spirito agonistico”.

È stata criticata per performance non vincenti.

“Le cose non possono andare sempre bene. Bisogna farlo capire. La cultura sportiva andrebbe indirizzata verso l’idea che un quinto posto a un’Olimpiade non è una sconfitta. Che la fatica fatta per essere lì a giocarti l’opportunità è comunque importante. Non puoi essere una merdina perché sei secondo. Può capitare. Il vero sport è arrivare secondi, settimi… Non voglio togliere nulla a chi vince, che merita tutta la gloria. Ma non c’è solo quella”.

La sua sincerità ha pagato sempre?

“Non sono cresciuta nella diplomazia dei gesti. E anche il mio modo di pormi non era corretto al cento per cento. Va bene essere dirette, ma devi avere anche un po’ di intelligenza. Io sparavo delle bombe che mi tornavano indietro come boomerang e facevano più male a me che agli altri. Negli anni sono migliorata”

Davvero aveva paura di nuotare al mare?

Ho paura. Mi dà molto fastidio stare in acqua senza vedere il fondale. Diciamo che nel blu della Sardegna, a 10 metri dalla riva, da sola non mi butto. Ho provato a vincere questo fastidio con maestri di sub e a prendere un brevetto per immersioni, ma due otiti da piccola mi impediscono di compensare. Niente da fa”.

LEGGI ANCHE: Serie A, finisce l’esclusiva di Dazn. Domani può arrivare il sì di Sky

Cassano: "Sapete cosa mi dicevano le donne? Il calcio fa miracoli"
Moggi svela: "Kostic? Non è la priorità della Juventus. Ecco chi verrà sicuramente"