Aleksander Ceferin
Serie A

Ceferin: "Juventus, Barcellona e Real Madrid arroganti, sì alle sanzioni. Superlega? Morta, giochino tra loro"

Le parole del presidente della Uefa sul caso superlega e le tre squadre che vogliono continuare il progetto: ecco l'intervista completa

Filippo Rocchini
07.05.2022 18:00

Torna a parlare Aleksander Ceferin: il presidente della Uefa si è esposto in una lunga intervista a Marca, quotidiano spagnolo: di seguito le sue dichiarazioni.

"Superlega? È stato molto stressante per due o tre giorni. Era sorprendente che le stesse persone che erano state unanimemente a favore di qualcosa, si fossero già schierate contro. Ma, in un certo senso, ero contento che fosse successo perché era sempre nell'aria. Quando finalmente è uscito, abbiamo messo fine una volta per tutte a questa assurdità che il calcio può essere comprato, che il calcio è solo per l'élite, solo per i ricchi. Questo non accadrà mai".

 Su Juventus, Real Madrid e Barcellona -"Volevano parlare con l'Uefa? No, non l'hanno fatto. Gli unici "saluti" che la UEFA ha ricevuto da loro sono venuti dai tribunali, poiché hanno cercato di sfidarci ovunque. Non abbiamo mai detto che non possono giocare la loro concorrenza, perché possono farlo se vogliono. Ma è divertente che questi siano stati i club che per primi si sono iscritti alla Champions League. Se giocano in altri tornei, non possono giocare nelle nostre competizioni. Non è un monopolio. Possono creare la loro UEFA e fare quello che pensano sia giusto. Ho mostrato loro molto rispetto in passato. Non voglio parlare del presidente della Juventus, ma il mio rapporto con lui era molto aperto e onesto. Non l'ho mai detto prima, ma ho invitato il presidente del Madrid Florentino Perez a Nyon prima che tutto accadesse per parlare delle future competizioni. Ha cancellato l'incontro con un messaggio di testo appena 24 ore prima a causa di "un evento legato al basket". Con Bartomeu non ho mai parlato. In un certo senso, stava già lasciando il club. L'annuncio di quel progetto è stato un atto di incredibile arroganza da parte loro, ed è probabilmente per questo che non vogliono comunicare con la UEFA. Ma questo non ha mai influenzato il modo in cui li trattiamo nei nostri tornei. Lo si vede nei loro successi: il Real Madrid giocherà la finale di Champions League e il Barça la finale di Champions League femminile. Questo è un chiaro segno che le nostre competizioni sono sane, eque e giuste".

Andranno avanti? - "Non trascinerei i club in questo, perché sono molto più grandi dei loro presidenti, allo stesso modo in cui la UEFA è più grande del suo presidente. Ma, in effetti, le nostre relazioni personali non esistono. Come ho detto prima, comunicano solo attraverso le aule di tribunale, e spetta ai nostri avvocati occuparsene".

Sanzioni contro le tre - "Sì, certo. Questo è possibile. Ma vediamo cosa succede. Siamo felici che l'ingiunzione sia finalmente arrivata. Sono stato sorpreso dal comportamento del giudice precedente: non ci hanno nemmeno offerto un'udienza. Abbiamo appena ricevuto la decisione con un provvedimento ingiuntivo. Ho fiducia nelle autorità e nei tribunali spagnoli. Vediamo cosa succede".

Il torneo estivo tra le tre squadre - "Possono giocare in estate, inverno, autunno o primavera. Possono giocare quando vogliono, e non mi interessa se lo fanno. Possono anche giocare il torneo ribelle e non la Champions League se vogliono. Non mi dispiace. Devono pensare che siamo più concentrati su di loro che su di noi. E, credetemi, non è così. Se ti senti così importante che tutto gira intorno a te, c'è qualcosa che non va. Il calcio è tutto incentrato sulla palla".

Fonte: Calciomercato.com
LEGGI ANCHE: Genoa-Juventus, il web esplode contro Allegri: "Che imbarazzo, Vlahovic è disperato"

Baggio contro Bruno? “Ex calciatori professori in tv, non sapevano fare tre palleggi con le mani”
La frecciata di Guardiola a Mourinho: "La Roma spende molti soldi ma non è in Champions League"