Costacurta (ph Web)
Serie A

Costacurta: "In Italia dobbiamo accontentarci di chi ha talento e non testa o di chi ha testa e poco talento"

Alessandro Costacurta, intervistato dal Corriere dello Sport, ha espresso il proprio parere su cosa manca al calcio italiano

Ludovica Carlucci
09.04.2022 12:45

Cosa manca al calcio italiano? Ha risposto l'ex giocatore Alessandro Costacurta, intervistato dall'edizione odierna del Corriere dello Sport. Di seguito le sue parole: "E' banale dirlo: le risorse. E da lì a cascata gli stadi, i calciatori di punta. Una volta Berlusconi poteva scegliere il giocatore migliore con la testa migliore. Ora dobbiamo accontentarci di chi ha talento e non testa o di chi ha testa e poco talento. Chi ha entrambi, finisce altrove. Mi dispiace dirlo, ma siamo diventati la terza scelta. Negli ultimi vent’anni abbiamo sottovalutato alcune componenti: gli stadi di proprietà, le infrastrutture, la sostenibilità. Se gli investitori stranieri preferiscono altri luoghi, vuol dire che qualche treno lo abbiamo perso".

LEGGI ANCHE: Cassano, che frecciata a Cristiano Ronaldo: "Deve pregare la mattina e dire grazie a lui"

Made in Sud 2022, streaming gratis Rai Play o Comedy Central? Dove seguire la quinta puntata LIVE
Moggi carica la Juventus: "Ha dominato l'Inter. Giuste le proteste contro Irrati e il VAR di Mazzoleni"