Andriy Shevchenko
Non Solo Sport

Shevchenko: "La gente muore. Russi, parlate a voce alta e fermate la guerra. Pronto ad accogliere famiglie in casa mia"

Shevchenko parla del progetto 'Play Your Part' per i profughi che fuggono dall'Ucraina e della situazione attuale: lanciato un appello ai russi

Filippo Rocchini
16.03.2022 15:25

Andriy Shevchenko ha parlato ai microfoni di Sky Sport : l'ex attaccante, reduce dalle esperienze come allenatore dell'Ucraina e del Genoa, ha rivolto diversi appelli perché si fermi il conflitto e termini l'invasione russa nel suo paese: "Con l'iniziativa Play Your Part l'obiettivo è raccogliere soldi e aiutare donne e bambini che stanno scappando dalla guerra. L'altro obiettivo è aiutare quelli che sono rimasti in Ucraina: ci sono tante città in cui manca cibo, acqua, medicinali. Io sono sempre in contatto con gli ospedali pediatrici. La situazione è molto difficile. Vogliamo aiutare il più velocemente possibile le persone rimaste in Ucraina e quelle che stanno scappando. Voglio ringraziare il popolo italiano per tutto quello che sta facendo per il mio paese".

In Ucraina si trova ancora la famiglia di Sheva, che si è detto preoccupato per le condizioni della madre: "La salute di mia mamma non è buona ultimamente, è peggiorata. Sto pensando come portarla via da Kiev, vorrei aiutarla qui in Inghilterra".

"Un altro obiettivo è parlare di quello che sta succedendo. Gli ucraini hanno bisogno di sapere di non essere abbandonati, di sapere che il mondo è vicino a loro. Il mio popolo sta difendendo i suoi diritti, la sua scelta di essere libero. Stiamo difendendo la nostra patria e la nostra casa".

Allo stesso modo, Shevchenko si è detto disposto ad aiutare direttamente e indirettamente più famiglie possibili: "Uno dei miei amici si è proposto di aiutare 150 mamme con bambini ospitandole in uno studentato. Io stesso sono pronto a ospitare qualche famiglia in casa mia. Ci sono anche altri giocatori che giocano che stanno promuovendo iniziative come Mykolenko, Zinchenko, Malinovskyi. Dobbiamo far sentire all'Ucraina che non è stata abbandonata". 

L'ex attaccante del Milan ha commentato la decisione di non arruolarsi: “È una scelta personale. Conosco persone che sono entrate nell'esercito e ora stanno combattendo. Ognuno deve trovare il proprio campo di competenza: io ho scelto un'altra strada per aiutare il mio paese. Voglio dare più risonanza possibile e cercare di ottenere aiuti e fondi per i rifugiati. Voglio dedicare il 100% del mio tempo a questa causa. Dobbiamo fermare la guerra in tutti i modi”.

Un messaggio per le persone russe: "Tutti quelli che sono contro la guerra, andate fuori, parlate ad alta voce. Cercate di fermare questa guerra. Fate di tutto per trovare la pace. Ci sono persone, bambini che stanno morendo senza un senso".

LEGGI ANCHE: Allegri: “Domani è una finale secca Vlahovic gioca. Ho le idee chiare, spero di indovinarla…”

Stipendi ciclisti 2022, la top 20 dei più pagati: Pogacar il paperone del gruppo, bene Nibali
Roma, Mourinho: "Derby? L'unica partita che mi interessa è con il Vitesse"