Serie A

Capello sui suoi ex giocatori: "Cassano visto solo al 50%. Van Basten un fenomeno. E su Ibrahimovic..."

Nel corso del "Festival dello Sport", Capello ha parlato del concetto di talento e di alcuni suoi ex giocatori che lo avevano

Enrico Traini
24.09.2022 19:40

Fabio Capello, ex allenatore e opinionista televisivo, è intervenuto al Festival dello Sport di Trento, soffermandosi sul concetto di talento.

Ecco le sue dichiarazioni:

Il talento? A volte viene confuso. Si parla di talento anche di calciatori che ne hanno poco. Il talento si intuisce, poi si deve coltivare. E chi lo possiede deve avere una grande voglia di emergere. Ci sono dei giocatori che hanno qualcosa di più e finiscono per fare la differenza. Permettono alla squadra di vincere, ed è davvero difficile raggiungere un obiettivo senza di loro. 

Capello ne ha approfittato anche per parlare di alcuni suoi ex giocatori, come Cassano, Van Basten e Ibrahimovic:

Cassano aveva un talento smisurato, negli ultimi 20 metri vedeva giocate che gli altri nemmeno pensavano. Ha dato il 50% perché si è accontentato. È stato un peccato non averlo visto al massimo. Però riusciva a compiere giocate uniche. Van Basten era un altro fenomeno. Mi accorgevo tuttavia che sbagliava il modo di calciare le punizioni. Glielo feci notate, riuscì a correggere il modo di batterli e migliorò anche in questo fondamentale. Anche Ibrahimovic si mise a disposizione con me per migliorare e migliorarsi. È una bella soddisfazione per un allenatore vedere che i suoi insegnamenti portano al miglioramento del calciatore".

 

LEGGI ANCHE: Cassano e l’auto dell’ex allenatore: “Piena di m**da di cavallo per colpa mia. Club mi multò”

Marchisio e l’attacco a tifosi top club italiano: “Vincete quanto la Juve e accetterò certi commenti”
VIDEO Adani senza freni: "Allegri? Non capisce nulla di calcio, di ippica, di padel e di ping pong"