Calcio

Capello svela: "Quando chiamai Berlusconi per vendere Ronaldo, gli dissi che gli piacevano molto le donne e così il giorno dopo..."

Fabio Capello racconta un aneddoto molto curioso e divertente su Berlusconi e Ronaldo

Serena Baldi
25.09.2022 17:55

Fabio Capello racconta un curioso retroscena al Festival dello sport di Trento: 

 "Il Real è la squadra che più ho sentita mia, perché l'ho fatta io. Successivamente vennero Capello e Ronaldo, due che però non facevano vita da atleti. La decisione di mandare via Ronaldo e mettere in disparte Cassano aiutò a creare un gruppo vincente. Recuperammo 9 punti di svantaggio a 10 gare dalla fine dal Barcellona. Sono orgoglioso ancora di questo successo. Ricordo una telefonata di Berlusconi quando decisi di vendere Ronaldo. Mi chiese come era e dissi che non voleva allenarsi, gli piacciono molto le donne e fare feste e gli dico di lasciare stare. Il giorno dopo in prima pagina vidi 'Ronaldo al Milan'. Fu una cosa troppo divertente".

LEGGI ANCHE: Maldini su De Ketelaere: "Dovevamo prendere Botman, ma poi..."

Vessicchio show: “Ad oggi, l’Inter è fallita. Questi sono i fatti: Zhang scapperà in Cina quando…”
Seedorf duro: “Sistema in Italia è razzista, per questo non trovo squadra qui. Nessuna proposta”