Moggi - Twitter
Serie A

Moggi sulla Juventus: “Calciopoli è stata inventata, l'inchiesta Prisma no. Bertola fa lo spiritoso con battute rivolte a me, fossi in lui…”

L'ex dirigente Juventus parlando dell'inchiesta Prisma e del paragone con Calciopoli, punta il dito contro Berloa

Serena Baldi
09.12.2022 10:17

Intervistato da Radio Bianconera nel corso di 'Cose di Calcio', l'ex Dirigente della Juventus Luciano Moggi ha parlato dell'inchiesta Prisma e del paragone con Calciopoli:

 "Mentre Calciopoli è stato inventato, questa vicenda è una cosa per cui la Juventus si è incolpata da sola. Sono state fatte delle dichiarazioni, che presentano della colpe di alcuni amministratori, come, per esempio, Stefano Bertola, che, anzichè fare le battute, poteva guardare attentamente come facevamo io e Giraudo nell'amministrazione e non andare a ruota libera, provocando tutti gli ammanchi che ci sono stati. La prima colpa è soprattutto degli amministratori e, in modo particolare di Bertola. E si permette anche di fare lo spiritoso: io mi nasconderei, se fossi in lui. Quando fa riferimento a me con battute del tipo 'Moggi Moggi magia', significa che Moggi non faceva magie assolutamente. Le mie plusvalenza erano vere, perché ero capace di prendere un giocatore a 5 miliardi e di venderlo a 80, come nel caso di Pippo Inzaghi. Per non parlare poi di Zidane, preso a 5 miliardi e rivenduto a 150. Questo Bertola guadagnerebbe un'occasione, stando zitto".

LEGGI ANCHE: Inchiesta Juventus, la Procura verso la rinuncia al sequestro di 437mila euro


 

 

 

 

 

 

 

Sapete quanto è ricca Exor? Un patrimonio incredibile frutto di investimenti in diversi settori
Zazzaroni rivela: "Marotta all'Inter é sfinito. Un suo ritorno alla Juve? Possibile con..."