Marcello Lippi ha affiato le sue parole ai colleghi de La Gazzetta dello Sport per parlare della Juventus di Massimiliano Allegri e della sfida che domani andrà in scena a Sans Siro contro il Milan di Stefano Pioli:

Max è un amico, con lui ho sempre avuto un rapporto speciale. Ci siamo visti alla festa della Juve ed è stato bello. Però questa volta abbiamo parlato del mio passato, non del suo. Ha ricordato i miei successi con la Juve, ma anche lui s’è tolto qualche sfizio in bianconero...Sacchi ha portato il calcio nella modernità. Capello è stato straordinario. E diciamo che anch’io ho fatto la mia parte. Sì, ho interrotto il loro dominio, è stata una bella impresa”

Lippi in vista di Milan-Juve

"Milan-Juve è quasi sempre una sfida scudetto. Questa lo è. Si tratta di due squadre tra le più in forma. Giocano bene, ognuna con il suo stile, fanno risultati, hanno tanta qualità, sono lassù in classifica. Equilibrio totale. E quindi la anticipo.Non mi chieda chi vince perché non lo so: sarò alla tv, curioso come tutti. Le coppe fanno crescere, caricano, completano il percorso stagionale. Danno più di quanto tolgano. Però per la Juve il discorso è diverso. La Juve sa che è fuori dalla Champions non per colpa sua, ma per ragioni extra campo. Sa che altrimenti sarebbe a lottare in Europa con le altre big, come sempre. E quindi: da un lato risparmierà energie per lo scudetto, dall’altro convoglierà questa “rabbia” per ottenere il massimo. E naturalmente qualificarsi per il prossimo anno.La Juve ha un grande attacco. Ci sono anche Kean e Milik quasi titolari. Vlahovic è un centravanti fortissimo, uno che segna sempre. E Chiesa, be’, mi spiacerebbe se non ci fosse: perché in partite come queste è sempre protagonisti.Bremer è un grande difensore, nella tradizione dei centrali della Juve. Ci sono quattro squadre da scudetto e nessuna che oggi si stacca dalle altre: Milan, Juve, Inter e anche il Napoli che, per me, resta nel gruppo di testa. Oggi non scelgo".

Juventus-Napoli, Oppini: “Per prendere in giro i Pink Floyd bisogna essere i Beatles"
Sacchi avverte: "La Juventus aspetta un tuo errore per ripartire e vuole sfruttare angoli e punizioni. Non dimentichiamo che..."