Andriy Shevchenko (Ph. Twitter)
Varie

Shevchenko: "Putin è un assassino. Il calcio ora non conta"

Andriy Shevchenko è tornato a parlare della situazione in Ucraina

Francesco Perna
03.03.2022 16:00

Andriy Shevchenko, ex attaccante del Milan, ha parlato a La Repubblica della situazione in Ucraina, colpita dai bombardamenti dell’esercito russo.

LEGGI ANCHE: Djokovic al Roland Garros? Stop al green pass in Francia: il governo da l'ok

Ecco le parole di Shevcenko

“Il calcio per me non esiste ora. Le città sono sotto assedio, la gente vive sotto terra nei rifugi, anche i bambini. Mia zia è rimasta sotto terra per quattro giorni, senza mai uscire. Mia mamma invece abita vicino a uno degli aeroporti bombardati dai russi. Mi ha chiamato alle 4 di mattina: la casa tremava. Le parole non bastano a descrivere la situazione. Abbiamo bisogno di aiuti e di medicine. Quello che stiamo vivendo è uno dei momenti più difficili della storia dell’Ucraina: ringrazio chi ha già fatto qualcosa per il nostro popolo, ma serve ancora aiuto. Ogni minuto di ritardo può essere fatale. Cosa penso di Putin? Che è un assassino. Il bersaglio ora siamo noi perché siamo al confine con loro. Ma il prossimo, chi sarà?”

ESCLUSIVA IPG - John O'Shea: "Trapattoni e Ferguson straordinari. Cristiano Ronaldo sempre motivato"
Verso Inter-Salernitana: gli ultimi aggiornamenti sulle probabili formazioni