Serie A

Napoli, ADL: "Rifiutate offerte per Napoli e Bari. Mertens? Vil denaro. Koulibaly voleva andare"

Ecco un estratto dell'intervista di Radio Kiss Kiss Napoli al presidente dei partenopei Aurelio De Laurentiis

Filippo Rocchini
24.07.2022 12:18

“Il Napoli è un’idea meravigliosa, non ha bisogno di essere sistemato. Non è successo nulla di grave in itinere: il Napoli è vivo, vegeto, fortissimo”. Così il presidente e patron del Napoli Aurelio De Laurentiis, intervenuto sul momento del club campano in una lunga intervista a Radio Kiss Kiss Napoli. In cui, tra le altre cose, ha confermato che la società non è in vendita: “Ho rifiutato un’offerta americana da 900 milioni di dollari nel 2017-2018 e da un anno e mezzo sto ricevendo tante di quelle offerte che rimando al mittente: tre per il Bari da tre fondi e due miliardi e mezzo di euro da un fondo orientale per il mio gruppo. Ma scusa: posso divertirmi ancora?”.

“Vil moneta? Forse sono stato male interpretato. La maglia azzurra deve o dovrebbe essere considerata dal tifoso la propria pelle sulla quale basare la propria identità. Il calciatore deve identificarsi con questa pelle e con questa maglia, ma poi all’improvviso vedi che scompaiono e che parlano solo di aumenti di stipendio, quando già sono dei privilegiati perché guadagnano tantissimo. Qualcuno va a finire addirittura in campionati misconosciuti solo per vil moneta e resti molto male: questo senso di appartenenza dov’è?”, ha proseguito.

“Ho lasciato andare Koulibaly perché mi ha detto: “Presidente, ho pochi anni davanti a me: mi faccia andare”. E io gli ho detto: “Al Barcellona non puoi andare perché non ha i soldi per pagarti”. E’ in dissesto. Lo sanno tutti. Poi s’è fatto avanti il Chelsea e non abbiamo potuto dire di no: se pure avessi insistito ancora, cosa che ho fatto per circa un mese e mezzo offrendogli 6 milioni netti per 5 stagioni, per un totale di una sessantina di milioni lordi, con un personaggio come Koulibaly non ci si può sempre trincerare dietro un no. Se un calciatore che è stato con noi per anni vuole fare un’altra esperienza in un club di prestigio e in un campionato che forse è il massimo del mondo, allora bisogna essere riconoscenti”.

"Quando i tifosi mi dicono: ma perché non confermi Mertens? Mertens! Mertens a vita… Ma Mertens si è proposto per un’altra stagione perché sa di avere 35 anni e che prima o poi si deve ritirare. Se però anche lui ne fa una questione soltanto di vil denaro, allora devo dire no perché devo difendere le possibilità del Napoli nel rinnovarsi. Se dovessi pagare una cifra sproporzionata al signor Mertens mancherebbe nel bilancio previsionale del prossimo campionato quello che servirebbe per prendere giocatori più giovani. Quando gli ho fatto l’ultima offerta da 4,5 milioni lordi per la prossima stagione, offerta che lui ha rifiutato, gli ho detto: “a te, a tuo figlio Ciro e a tua moglie non posso che augurare il meglio. Ti ringrazio per questi anni che ci hai regalato con tutte le tue straordinarie dimostrazioni di agonismo, capacità, serietà e di serenità che ci hai trasferito con tutti i tuoi straordinari gol, però noi non possiamo andare contro la nostra possibilità e capacità”.

LEGGI ANCHE: Napoli,Padovan punge Dries Mertens: "Voglio dirgli come la penso"

Cassano: "Sapete cosa mi dicevano le donne? Il calcio fa miracoli"
Sassuolo, Carnevali: "Superlega? Magari con l’UEFA ci si arriverà. Il mercato termina tardi, su Raspadori..."