De Laurentiis e Agnelli - Twitter
Serie A

De Laurentiis duro: “In Italia si vince imbrogliando o si compete. Juve? Favorita molto spesso”

Intervenuto in conferenza stampa, il presidente del Napoli ha rilasciato le seguenti dichiarazioni polemiche sul calcio italiano

Francesco Rossi
01.06.2022 11:27

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni durante la conferenza stampa di presentazione del prossimo ritiro azzurro a Castel di Sangro. Ecco un estratto delle sue parole polemiche riguardanti il calcio italiano: 
 

"Non fa piacere a Napoli quando uno porta il signor Ancelotti che viene per la stima che ha di me e si siede e accetta la metà di uno stipendio pur di venire a Napoli, dimostra di amare Napoli e non viene considerato dai tifosi. Non è corretto fischiare un secondo posto contro una Juventus che ha dimostrato parecchie volte di avere dei favoritismi che l’hanno incoronata. Visto che io appartengo al genere delle persone perbene, questa condizione non l’abbandonerò mai. Devo rimanere limpido, non me ne può fregare di meno. Quando vado a letto la notte non dovrò mai pentirmi se ho mandato qualcuno a fanculo. Più di tre volte al giorno non possiamo mangiare”.

Nel calcio mi sono imbattuto in regole e regolamenti anche inquinati, in cui ho dovuto fare a cazzotti con un sistema che a noi non piace. Non conduco il gioco sul campo perché ci sono giocatori, allenatore e staff. Bisogna inserire il tutto in un contesto più generale, nel contesto del calcio. Molto spesso le istituzioni non hanno rispetto per i tifosi. I campionati nazionali sono la prima scelta per i tifosi, ma si dice che bisogna far giocare i nazionali e non ci sono i tempi giusti. Ogni anno il circo riparte senza aver fatto un consultivo su cosa ha funzionato e cosa no. Abbiamo avuto una classe arbitrale che per tanti anni ha fatto quello che ha fatto, poi c’è stato Calciopoli. Per avere il Var ci siamo dovuti battere come dei pazzi. L’Italia è stata la prima ad utilizzarlo, male, perché comunque la casta va rispettata. Non si dà all’allenatore la possibilità di chiamare il Var. Anche il sistema di gioco condiziona la spettacolarità. Tutti questi condizionamenti che io trovo brutalmente limitanti fanno sì che o imbrogli, e allora vinci per un tot numero di anno, o competi e allora puoi anche perdere. Nella vita si perde, si vince e si pareggia”.

Moggi asfalta Ancelotti: “Eri amico di Meani che si incontrava con Collina al ristorante”
Gattuso, c'è l'accordo con il Valencia: sarà il nuovo allenatore degli spagnoli