Serie A

Mazzari: "Non abbiamo ancora fatto nulla, sarò un martello con i ragazzi"

Il tecnico del Cagliari, Walter Mazzarri, ha commentato la vittoria della sua squadra contro il Sassuolo

Giuseppe Biscotti
16.04.2022 15:47

Il Cagliari ha ritrovato la vittoria contro il Sassuolo grazie alla rete di Deiola e ha ottenuto tre punti importantissimi in chiave salvezza. Ecco le parole di Walter Mazzarri in conferenza stampa: "Un peccato aver giocato così, creando delle clamorose palle gol, e non aver chiuso prima la partita. Io capisco i ragazzi che avevano voglia di spaccare il mondo ma quando si entra in area di rigore bisogna essere tranquilli e non frettolosi. Keita e Joao Pedro hanno fatto una gara strepitosa a inizio partita. E non scordiamoci che davanti avevamo un attacco forte come quello del Sassuolo e non abbiamo concesso nulla. Da martedì dopo la Pasqua sarò un martello, ora giochiamo così come oggi nelle prossime cinque finali per raggiungere l'obiettivo".

"È un segnale importante non prendere gol in casa, Abbiamo fatto il calcio che piace a me. Quando stiamo bene e corriamo come oggi facciamo le prove che piacciono a me. Stiamo anche recuperando dei giocatori importanti e ora abbiamo anche dei cambi giusti. Peccato per quel palo nel finale" ha continuato il tecnico del Cagliari. 

"Non vorrei pensassimo che bastasse questo successo, ora devo essere bravo a fare capire ai giocatori di non abbassare la guardia. Spero vengano tanti tifosi a Genova perché oggi lo stadio era uno spettacolo. Contro il Genoa sarà più difficile di oggi, e dopo alcune batoste immeritate, devo farlo capire ai ragazzi" ha concluso Mazzarri. 

 

Bruno attacca Mourinho e Allegri: “Pago SKY e DAZN per vedere il bus davanti alla difesa nel 2022”
Sconcerti sulla lotta scudetto: "C'è una squadra che ha qualcosa in più delle altre"