Mario Sconcerti (Areanapoli.it)
Serie A

Sconcerti: "Inter, Marotta ha voluto cancellare l’alibi. Sa che non può essere colpa di Inzaghi se grandi giocatori commettono errori"

Il giornalista si è soffermato sulla vittoria dell'Inter ai danni del Bologna nella sua analisi sulle colonne del Corriere della Sera

Ludovica Carlucci
10.11.2022 11:09

L'Inter, inizialmente sotto in avvio di gara per mano di un gol fortuito di Lykogiannis, ha avuto una reazione esemplare travolgendo poi la squadra di Thiago Motta con un roboante 6-1. A soffermarsi sulla vittoria nerazzurra è stato anche Mario Sconcerti, che nella sua analisi sulle colonne del Corriere della Sera, scrive: “[…] l’Inter trova con facilità e bellezza la quinta vittoria in sei partite e tocca una classifica che non aveva ancora avuto. Sembrerebbe tutto molto contraddittorio, in realtà il Bologna è uno di quegli avversari che si addicono all’Inter, gioca benino e perde molti palloni. Cerca il gioco, ma non ha la qualità dell’Inter. Così il risultato diventa presto normale. L’Inter è stata dentro la gara molto più che con la Juve. Sentiva il momento".

Sconcerti ha poi aggiunto: "Tre gol sono state prodezze, chi sa segnare così non può sbagliarne quattro davanti alla porta. In realtà ogni tanto si annoia e finisce per rilassarsi. Quando Marotta parla di dure riflessioni da fare, non si riferisce a Inzaghi, pensa ai giocatori. Inzaghi è una buona soluzione imperfetta, non è un motivatore, ma conosce il mestiere. Quando l’allenatore è un po’ trasparente, la squadra si sente protetta a priori, sa dove cadrà la debolezza se le cose andranno male. Marotta ha voluto cancellare l’alibi. Sa che non può essere colpa del tecnico se grandi giocatori commettono errori elementari, vuol dire che non funziona qualcosa nella psicologia della squadra. Il messaggio è stato ricevuto e capito”.

LEGGI ANCHE: Zazzaroni sulla Roma ci va pesante: "Mourinho sa come piangere"

Bargiggia contro Lautaro: "Sento puzza di gossip. Improvvisazione e tanto altro..."
Il Milan sarà a Dubai in ritiro durante i Mondiali in Qatar. Il comunicato del club rossonero