Il Meazza ha assistito a uno spettacolo a dir poco avvincente ieri sera nel big match del 23° turno tra Inter e Juventus, terminata con la vittoria ‘di misura’ dei nerazzurri proiettati in fuga verso lo Scudetto. L'autorete di Gatti nel primo tempo si è rivelata decisiva, permettendo ad Inzaghi di allontanarsi da Allegri di quattro punti, con anche una partita da recuperare.

L'Inter ha dimostrato la sua superiorità ai punti, con Lautaro e compagni che hanno sfiorato il gol più volte. Il palo di Calhanoglu e due straordinari interventi di Szczesny su Barella e Arnautovic hanno tenuto la partita incandescente fino all'ultimo minuto.

La delusione è palpabile nel campo della Juventus, con Vlahovic che ha sprecato un'occasione colossale nel primo tempo, quando il punteggio era ancora fermo sullo 0-0. Nonostante numerose opportunità per i bianconeri, è mancata la zampata decisiva, lasciando la sensazione di essere un passo indietro rispetto ai rivali sia in termini di condizione fisica che di gioco.

Il divario in classifica e la mancanza di personalità nella squadra bianconera

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu

Nell'ultima partita tra Inter e Juventus, il confronto tra le due squadre ha messo in luce una disparità evidente, sottolineando la mancanza di giocatori di calibro come Calhanoglu e Mkhitaryan nella rosa della Juventus. L'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport ha dedicato ampio spazio a questa analisi, evidenziando come i due centrocampisti abbiano dominato la partita per qualità, esperienza e personalità.

"Nonostante un Lautaro minore. Due come Calhanoglu e Mkhitaryan la Juve non ce li ha: hanno dominato per qualità, esperienza e personalità. Pavard, un professore tra gli studenti. Ora i 4 punti di vantaggio dei nerazzurri (che potrebbero diventare 7 con il recupero) rispecchiano meglio la differenza di cilindrata tra le due fuggitive. Il discorso scudetto non è chiuso. La Juve, che non perdeva dal 23 settembre (Sassuolo), ha il tempo per provare a risalire sfruttando l’esenzione forzata dalle coppe, a patto di crescere nel gioco e nell’ambizione".

La Juventus, beneficiando dell'esenzione forzata dalle coppe, ha il tempo per tentare una risalita in classifica. La Gazzetta sottolinea che ciò sarà possibile solo attraverso un miglioramento sostanziale nel gioco e nell'ambizione della squadra.

LEGGI ANCHE: Juventus, occhio al futuro di Rabiot: pronto l'assalto di un top club spagnolo

 

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Juventus, Vlahovic e Chiesa mettono in ansia i tifosi: le loro condizioni dopo l'Inter

💬 Commenti