Al termine del campionato di Serie B nella stagione 2010-2011, col fallimento della Salernitana sparisce il calcio a Salerno. La sua assenza però dura il tempo di una estate, quella che serve al presidente della Lazio Claudio Lotito e al suocero Marco Mezzaroma per fondare il Salerno Calcio e iscriverlo al campionato di Serie D nel 2011-2012. Con il tecnico Carlo Perrone in panchina ottiene la promozione al primo colpo a cui ne fa seguito un'altra, che riporta i granata in B nel giro d due anni oltre a riottenere la storica denominazione. Dopo la cessione della società a Danilo Iervolino nel 2021, ora il patron dei biancocelesti ci riprova.

Barletta: crisi societaria in Serie D

Il Barletta in questa stagione sta disputando il campionato di Serie D, inserita nel girone H ed é invischiata in zona playout. Ma a preoccupare i biancorossi non é solo la classifica, ma é soprattutto la grave crisi societaria che potrebbe portare ad un nuovo fallimento dopo l'ultima rifondazione datata 2015. Per questo la classe politica locale della città pugliese starebbe cercando con urgenza nuovi investitori disposti a rilevare il club.

Giocatori Barletta
Barletta-Matera (Youtube)

Barletta-Lotito: contatti in corso

Il nome dell'investitore più papabile pronto a rilevare le quote societarie del Barletta in Serie D, sarebbe proprio Claudio Lotito. Dopo l'operazione con la Salernitana del 2011, il patron della Lazio si preparerebbe quindi a salvare un'altra squadra in difficoltà tra i dilettanti. Le voci provenienti dall'ambiente biancorosso parlano di contatti già avviati tra i rapresentanti della politica locale e il suo entourage. A breve potrebbe esserci un nuovo proprietario in visita allo stadio Putilli.

LEGGI ANCHE: Zirkzee decisivo con la Lazio: il giocatore ha raggiunto un nuovo record   

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Lazio, caso Zarate: Lotito condannato dalla Cassazione

💬 Commenti