Nel posto match contro l'Inter, il presidente del Genoa, Alberto Zangrillo, ha preso la parola in maniera decisa, denunciando presunti comportamenti scorretti e lanciando accuse pesanti nei confronti degli arbitri e di alcuni giocatori avversari.

L'attacco di Zangrillo ad Ayroldi e Barella

Nicolò Barella
Nicolò Barella

Dopo la partita, Zangrillo ha deciso di ritornare sull'episodio durante una intervista a 'Un Giorno da Pecora' su Radio 1, esprimendo il suo disappunto nei confronti dell'arbitro Ayroldi e del centrocampista dell'Inter, Nicolò Barella. L'accusa principale? Il presidente del Genoa ha affermato che gli arbitri sono ingannati da giocatori che "piroettano come pagliacci" e simulano traumi inesistenti.

Zangrillo ha sottolineato la delicatezza del mestiere degli arbitri, ma ha insistito sul fatto che non vengono aiutati, spesso cadendo vittime di recitazioni di traumi da parte dei giocatori avversari. Il presidente del Genoa ha criticato aspramente Barella, sostenendo che coloro che simulano lesioni gravi dovrebbero essere sanzionati, evidenziando un presunto episodio in cui il giocatore avrebbe simulato un trauma cranico in seguito a uno scontro di gioco regolare.

Le dichiarazioni di Zangrillo sono state riportate anche da Telenord.it, sottolineando la sua netta presa di posizione contro il presunto teatro in campo: 

"Gli arbitri fanno un mestiere delicato, ma non sono aiutati, sono tratti in inganno come ieri da calciatori che piroettano come pagliacci e fingono traumi inesistenti. E poi vedi che chi mima un trauma cranico ha preso una pedata nel c... figlia di un normale scontro di gioco. E non parlo solo di Barella, sono cose che capitano ogni domenica".

La frecciata a Simone Inzaghi

Simone Inzaghi
Simone Inzaghi

Ma le critiche non si sono fermate solo agli arbitri e ai giocatori avversari. Zangrillo ha colto l'occasione per lanciare una frecciata a Simone Inzaghi, allenatore dell'Inter. In modo sarcastico, il presidente del Genoa ha elogiato la disciplina di Inzaghi, sottolineando che il loro allenatore non si comporta come un "tarantolato" in panchina, evitando di disturbare il quarto uomo. 

"Noi abbiamo un allenatore che non sgambetta come un tarantolato e non importuna il quarto uomo, anche perché se alza un dito viene ammonito o espulso".

LEGGI ANCHE: Inter, parla Thuram: "Facile parlare ora che le cose vanno bene"

 

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Boniek: "Non siamo più al guinzaglio. La Roma gioca bene e non protesta"

💬 Commenti