Ecco l'analisi e il commento di Claudio Zuliani su TuttoJuve, nel post gara Juventus-Lecce:

“Finisce il primo tempo tra Juventus e Lecce. Meno applausi e più fischi. Ma non quelli dello Stadium che quando manca la parte di curva organizzata sono un classico stile teatro. Io parlo dei giocatori, del campo. Il pubblico può aiutare, certo, ma le partite le vincono i giocatori. In un primo tempo dove la Juve ha faticato le fatidiche sette camicie per uscire palla al piede dalla pressione leccese, i giocatori si applaudivano per le intenzioni di passaggio, sistematicamente errate. La Juve è la Juve non il Lecce, con tutto il rispetto. Se devi dare un segnale ai tuoi tifosi devi essere cattivo, incavolato, determinato.Dovete urlarvi in campo, stimolarvi. Non dovete lamentarvi se il compagno sbaglia ma un urletto ogni tanto ci vuole, per dare la sveglia. Sicuramente non vi dovete applaudire perché non avete nessun merito per compiacervi. È stato deprimente vedere Rabiot sbagliare passaggi elementari, Milk non stoppare il pallone, Locatelli sparire inghiottito dagli avversari, Fagioli tergiversare, Cambiaso impaurirsi. Questa squadra sembra Chiesa e pochissimo altroe non sono i moduli, gli schemi o le parole che fanno la differenza, Sono le giocate, quelle che ti cambiano le partite e che si sono viste nelle vittorie di Udine ed Empoli e in quella casalinga contro la Lazio. E non basta l’assist di Rabiot per il gol di Milika cambiare il giudizio ma per cambiare la partita è sufficiente. Ecco che la testa è sgombra dai cattivi pensieri e riesce tutto meglio. La Juve non gioca certo bene ma più leggera. Non ha timore a fare le giocate come quella col tacco di Fagioli cheallietano un pubblico imbronciato. La Juve non è una grandissima squadra ma basta avere più convinzione e contro il Lecce in casa si può vincere. Basta poco per trasformare i fischi in applausi: fare la Juve anche quando non si è più tale. Insistere dopo essere passati in vantaggio alla ricerca del raddoppio. Aiutarsi e lottare per vincere e sperare. Ecco, basta così poco a volte che si portano a casa i tre punti che valgono il terzo posto”.

LEGGI ANCHE: Varriale tuona: "Napoli, gestione post scudetto pessima e il polverone Osimhen..."

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Impallomeni: "Alla Juventus non sono fenomeni, ma possono rimanere in alto. Osimhen? Curioso della reazione dei tifosi, fossi in loro..."

💬 Commenti