Inter-Juventus condita da polemiche, verrebbe da dire come al solito, anche ieri sera è stato così. Su tutti l'episodio che di fatto ha indirizzato e deciso il match, il gol dubbio assegnato ai bianconeri. Tante le polemiche, ecco cosa dice in merito l'ex arbitro Graziano Cesari.

LEGGI ANCHE: Franco Ordine: "A Napoli hanno finito i mortaretti per festeggiare, volevano tutti il Milan"

Il punto di vista di Graziano Cesari

Il punto di vista di Graziano Cesari sul gol assegnato alla Juventus: 

"Barella da subito è convintissimo e dice ai compagni di non preoccuparsi, che sarebbe stato dato il fallo di mano. Ci sono immagini per vedere e giudicare, Chiffi aspetta 4 minuti, Barella si avvicina a Chiffi e dice che ce ne sono due di tocchi. Chiffi a quel punto gli dà il fischietto e dice di arbitrare lui. Dobbiamo fermarci e chiederci se c'è un tocco col braccio ed è involontario. Dal tocco al gol di Kostic passano 10 secondi. La traiettoria del pallone cambia dopo che tocca l'orlo della manica bianconera di Rabiot. Il secondo, di Vlahovic, è ininfluente perché ritrae. Va stabilito se Rabiot tocca accidentalmente o no, se sia punibile o meno. Il VAR aveva tantissime immagini a disposizione. Un'immagine, in particolare, sembra molto chiara. E se c'è un tocco col braccio, come sembra, il vantaggio è sicuro".

 

 

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Ravezzani: “Ritengo inutile esprimere un parere calmo e ragionato sulla regolarità del gol della Juventus contro l’Inter, perché…”

💬 Commenti