Dopo la cinquina rifilata al Sassuolo il Napoli dorme sonni un po' più tranquilli e il patron del club partenopeo, Aurelio De Laurentiis, torna a godersi un Victor Osimhen in grande spolvero. Domenica sera allo Stadio Diego Armando Maradona andrà in scena un Napoli-Juventus che significa molto per entrambe la squadre, ma soprattutto per i padroni di casa che non devono perdere di vista il quarto posto.

Napoli: Haaland per 50 milioni, ma la trattativa saltò

Alla vigilia del match contro i bianconeri De Laurentiis è intervenuto al Business of Football Summit, un evento promosso dal Financial Times tenutosi a Londra, nel quale ha parlato in del ruolo dei procuratori sportivi nel mondo del calcio, svelando anche un retroscena su Haaland vicinissimo al Napoli:

Gli agenti, a eccezione di pochi, sono un cancro. Non capisco per quale motivo non si possa liberalizzare il numero di anni per mettere sotto contratto un calciatore, minimo otto. Mi ricordo quando ho scoperto Haaland, per me era un grandissimo giocatore quando i miei erano tutti preoccupati perché ancora non lo conoscevano. Era al Salisburgo, lo volevo comprare per 50 milioni. Allora Mino Raiola mi portò in un salotto e mi disse: 'Senti di là non le dire queste cose, noi siamo amici. Per Haaland ho già provveduto io, non ti preoccupare, non ti mettere in mezzo'. Io lo fermai e lì si interruppe la trattativa. Lui aveva già organizzato tutto e percorso i suoi benefit. Raiola era professionalmente ineccepibile ma perseguiva i suoi interessi, non quelli dei club. Le società se si sono indebitate devono darsi una svegliata.

Erling Haaland
Erling Haaland con la maglia del Manchester City (ph Image Sport)

SuperLega e Salary Cup

Infine De Laurentiis parla anche della SuperLega: 

Sono stato sorpreso positivamente dalla sentenza della Corte Europea che ha tolto lo scettro dell'unicità alle attuali istituzioni sportive. Sarò favorevole alla SuperLega se saprà essere meritocratica. Salary Cap? No, non sono d'accordo, appiattirebbe tutto. Il calcio deve essere imprenditorialità. I club sono pieni di debiti mentre il Napoli chiude il bilancio con un utile di 83 milioni di euro e una riserva a bilancio di 147 milioni che in Europa non è male.

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Lazio-Milan, la sfida fra grandi attaccanti può decidersi in difesa

💬 Commenti