La notte del 22 Aprile 2024 sarà ricordata molto a lungo dalla Milano nerazzurra, mentre quella rossonera cercherà di rimuovere presto il brutto ricordo di una serata tanto amara quanto difficile da immaginare a inizio stagione. 

Festa Inter e gioia Calhanoglu

Vincere il ventesimo Scudetto nel derby in faccia al Milan era forse quanto di più assurdo e folle balenasse nella mente di un tifoso dell'Inter, tanto che in molti hanno paragonato l'evento al Triplete del 2010. Lo psicodramma dei tifosi rossoneri si è consumato sotto la pioggia milanese, in una serata dal clima invernale. La rete di Acerbi ha aperto le danze spingendo i nerazzurri a pigiare sull'acceleratore per trovare subito la rete che avrebbe chiuso il discorso. Prima Lautaro, poi Thuram hanno messo a dura prova le coronarie dei tifosi ma mancando il bersaglio grosso hanno tenuto in equilibrio il match. Thuram però si è fatto perdonare subito in avvio di ripresa, l'assolo del francese ha fatto esplodere il Meazza, poi Tomori a dieci dalla fine ha deciso di provare a togliere la gioia del tricolore ai cugini, ma dopo risse e cartellini rossi Bennacer ha avuto l'ultimo corner a disposizione, palla troppo basso e Di Marco spazza via. Triplice fischio e festa Inter. Calhanoglu è uno dei primi a saltare di gioia urlando contro il cielo, come direbbe Ligabue. Il turco si commuove, le felicità per lo Scudetto numero 20 è colma di ricordi che si legano al suo passato dall'altra sponda del Naviglio.

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu esulta con la maglia dell'Inter (Ph Image Sport)
Serie A, DAZN punta sempre di più sulla sua modalità gratuita
Thuram, due gol nei primi due derby: quanti ci sono riusciti prima di lui?

💬 Commenti