Intervistato a One More Time, l’ex dirigente del Napoli, Luciano Moggi, ha rivelato il perché del suo addio agli azzurri, dovuto a suo dire da un litigio con Diego Armando Maradona. Ecco le sue dichiarazioni in merito a questa vicenda: 
 

div id="124212-2">

“Diego Armando Maradona era un uomo eccezionale che purtroppo aveva una doppia personalità, dove spesso una delle due prendeva il sopravvento. L'argentino ha però fatto delle cose straordinarie a favore dei più bisognosi. Era un uomo generoso e voleva bene al prossimo. Lui si attirava il bene dei compagni di squadra e della gente.

Ebbi uno scontro abbastanza grave con Maradona: ho lasciato il Napoli per colpa sua. Quando siamo andati a giocare la Coppa dei Campioni a Mosca, l'argentino ci disse che sarebbe venuto, ma quando arrivammo in aeroporto lui non c'era. Andammo a casa sua, lui era chiuso in camera e dormiva: gli facemmo sapere che se fosse arrivato il giorno dopo non avrebbe giocato. Lui arrivò il giorno dopo con un aereo privato, il martedì sera, fu convocato ed era convinto di giocare. Il giorno della partita dissi all'allenatore di metterlo in panchina, giocò gli ultimi 5 minuti ma non riuscimmo a segnare. Io mantenni la mia parola e detti le dimissioni dal Napoli".

La classifica delle squadre italiane più vincenti in Europa: Juventus davanti all'Inter
Le probabili formazioni di Inter-Juventus: Lukaku titolare, provato Soulé accanto a Vlahovic

💬 Commenti