L'omaggio di Ivan Zazzaorni a Joe Barone dalle pagine de Il Corriere dello Sport.

Il giornalaia ricorda i loro rapporto anche con qualche piccola discussione, ma sempre sinceri e diretti tra loro nel rispetto più totale.

Ivan Zazzaorni ricorda Joe Barone 

Ecco le parole che il giornalista sportivo dedica a Barone:

"Sapeva essere cordiale, numerosi i messaggi che ci siamo scambiati, fino al giorno in cui si arrabbiò tantissimo perché avevo rifiutato pubblicamente di partecipare alla presentazione del magnifico centro sportivo di Bagno a Ripoli censurando alcuni atteggiamenti tenuti dal club con i colleghi di Firenze.  Non credo che mi abbia mai perdonato del tutto, so soltanto che amava immensamente il Guerin Sportivo che dirigo. «È la mia Bibbia», diceva. E raccontava che, bambino, partiva dal Bronx per andare ad acquistarlo a Manatthan, sulla 6th Avenue

I rapporti tra Zazzaroni e Barone

Joe Barone

«Ogni settimana mi riavvicinava all’Italia, alla serie A». Il 19 maggio scorso, entusiasta, mi scrisse questo: «Penso che siamo un esempio per le società medio grandi italiane soprattutto a livello di gestione. Non so se nella storia la Fiorentina sia mai arrivata in finale in due competizioni della stessa stagione. Riuscirci lavorando seriamente e con i conti in ordine in Italia è sempre stato utopistico. Per noi, a maggior ragione, di vanto e orgoglio. Questa sera è una festa del calcio italiano in tutto il mondo, 3 in finale!!!». In lega, dove da figura laterale era diventato in fretta centrale, Barone si ritrovava in particolare nelle posizioni di Claudio Lotito («ne ho intuito le capacità e abbiamo gli stessi interessi»). Era un tipo da battaglia, la Fiorentina gli deve molto.

LEGGI ANCHE: Fiorentina, Commisso in lacrime: "Barone non morirà mai. Ricordatevi sempre di lui"

 

 

 

Per chi tifa Caressa? Il telecronista di Sky Sport confessa: "Non ci crederà nessuno"
Roma, Totti: "Dybala gioca 15 partite all’anno". La Joya non gradisce. C'è la risposta

💬 Commenti