Ultimamente i casi di razzismo negli stadi italiani e non solo stanno aumentando a dismisura. Gli ultimi che ricordiamo riguardano McKennie insultato dai tifosi della Lazio, il caso Juan Jesus- Acerbi, ma anche tanti altri, ad esempio Vinicius che ne è spesso vittima. Ad esprimersi su questo tema è stato Mario Balotelli, anche lui in passato vittima di razzismo.

Balotelli sul razzismo in Italia

Ecco le parole di Balotelli:

Alcuni neri mi sono ostili perché usano il razzismo come scusa. Il razzismo non è ovunque. Gli italiani non sono razzisti. Semplicemente emigravano sempre e impiegavano più tempo degli altri ad abituarsi all’immigrazione. La verità è che non erano abituati a vedere persone come me

Il problema è che dire e fare cose razziste negli stadi è sempre stato consentito. Ma una cosa vi garantisco: non tutti quelli che dicono certe cose negli stadi le direbbero per strada, nella vita reale. Ne sono sicuro al 100%. Quindi, ho difficoltà a dirmi che queste persone sono razziste. Lo fanno per darmi fastidio, come se dicessero 'figlio di...'. Dovrebbero capire che il razzismo non è un insulto. È molto più di questo

 

 

LEGGI ANCHE: "Ho aperto l'armadietto di Balotelli, era pieno di multe non pagate": ecco la rivelazione
 

 

Dove vedere Inside Out 2, streaming gratis Netflix, Now o Prime Video?
Milan-Lecce: polemiche per il rosso a Krstovic, espulsione corretta?

💬 Commenti